PIU’ SICUREZZA NEL SUD PONTINO
Cambiano i presidi dell’Arma a Fondi e Gaeta

fotookLATINA – Più uomini e più mezzi a Fondi, il taglio di alcuni “rami secchi” a Gaeta con l’obiettivo di aumentare la presenza e l’efficienza dei carabinieri nel sud Pontino. Parte oggi una piccola rivoluzione dell’Arma che riguarda i territori di Gaeta e Fondi. L’ha illustrata questa mattina il comandante provinciale Giovanni De Chiara: “La Stazione di Fondi diventa Tenenza e passa da 15 a trenta uomini, mentre Gaeta perde il titolo di Compagnia, ma non sarà  depotenziata. Con la soppressione della Compagnia dei carabinieri di Gaeta, la nuova linea ordinativa prevede il passaggio  della Tenenza di Gaeta e della Stazione di Itri, alle dipendenze gerarchiche della Compagnia carabinieri  di Formia, mentre la Tenenza di Fondi e le Stazioni di Sperlonga e Lenola, sotto il Comando della Compagnia di Terracina.

Abbiamo eliminato alcuni servizi che potevano e dovevano essere accorpati : sparisce la sala operativa (da ora in poi il servizio sarà svolto solo da Formia che era già collegata con il 112 europeo); viene chiusa la mensa e i militari si appoggeranno da oggi in poi a quella della Marina Militare; viene infine accorpato il servizio di assistenza e gestione dei mezzi, con un risparmio complessivo di 15 carabinieri che saranno destinati ad essere operativi e dunque saranno più presenti fra la gente”. A capo della tenenza di Gaeta ci sarà il tenente Carmine Manzi (con esperienze pregresse in Calabria e a Pesaro), mentre guiderà il delicatissimo presidio di Fondi, il tenente Ivan Mastromanno (in arrivo dal  Nucleo operativo di Mondragone).

Da parte degli enti locali, il comune di Fondi e quello di Gaeta, oltre che della Provincia, l’impegno (fino ad oggi formale) di mettere in campo risorse per adeguare le strutture dei due presidi.

2 Commenti

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto