Manutenzione delle strade, Sarubbo chiede programmazione condivisa

buche_stradeLATINA – «Si chiarisca una volta per tutte quali opere ci sono in programma per la manutenzione delle strade cittadine e si stabiliscano le priorità di intervento su periferie e borghi che per troppi anni l’amministrazione comunale ha trascurato». A chiedere la comunicazione e la condivisione nelle sedi adeguate del programma di lavori per la manutenzione del manto stradale con priorità di azione nelle zone più periferiche della città è il consigliere del Partito democratico Omar Sarubbo che chiede per questo un’audizione dell’assessore Di Rubbo in Commissione Lavori Pubblici.

Secondo Sarubbo, lo scorso anno  la Commissione Lavori Pubblici venne a conoscenza del programma di manutenzione delle strade da un comunicato stampa nel quale l’assessore annunciava lo stanziamento di oltre un milione di euro. La commissione competente e i consiglieri non furono interpellati. Inoltre furono fatti interventi a macchia di leopardo per cui furono penalizzati i borghi e le periferie. Solo dopo una dura protesta del Partito democratico fu realizzato qualche intervento sporadico in queste realtà e l’assessore venne a riferire sullo stato dei lavori sia in aula consiliare che in commissione».

Dati anche questi precedenti Sarubbo ha chiesto oggi al presidente della Commissione Lavori Pubblici facente funzione, Mauro Anzalone, di invitare l’assessore in commissione perché condivida la prossima programmazione dei lavori. «L’estate è alle porte – sottolinea il consigliere del Pd – e come tutti gli anni con la chiusura delle scuole e l’inizio della stagione balneare il traffico di auto aumenta così come aumenta il numero di veicoli a due ruote sulle nostre strade. Di conseguenza cresce il rischio di incidentalità, per questo il Comune è chiamato a fare la propria parte con tempestività, programmando per tempo gli interventi da mettere in atto e dando priorità alla manutenzione delle strade più danneggiate e a periferie e borghi che da anni vengono considerati solo marginalmente».

Anche alcuni esponenti della maggioranza, tra i quali i consiglieri Lucantonio, Coluzzi, Tontini e lo stesso Anzalone, hanno condiviso l’idea di Sarubbo, stabilire insieme i criteri e le priorità di intervento e insieme vigilare affinché vengano rispettati.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto