Proseguono le indagini

Finto prete ucciso a Monte San Biagio, i sei indagati ascoltati dal Gip

Una rapina finita male dietro l'omicidio dell'ex diacono Patrizio Barlone. Il blitz dei carabinieri

barloneLATINA – Saranno interrogati nelle prossime ore dal Gip del Tribunale di Latina i sei uomini fermati ieri dai carabinieri durante un blitz tra la provincia di Latina e quella di Napoli. I sei devono rispondere di omicidio volontario. Il delitto dell’ex diacono Patrizio Barlone avvenuto a Monte San Biagio lo scorso 8 febbraio, sarebbe secondo una prima ricostruzione dei fatti, frutto di una rapina finita male da parte di chi aveva con molta probabilità un debito con don Barlone. E’ quanto è emerso dalle prime indagini dei carabinieri. Tra gli indagati anche un imprenditore fondano di 53 anni, unico pontino coinvolto, da cui i militari sono partiti per svolgere le indagini. In casa della vittima, come ha spiegato il colonnello De Chiara, sono stai trovati molti soldi contanti. Le indagini, coordinate dalla Pm Maria Eleonora Tortora, continuano per accertare tutte le responsabilità.

Ascolta il colonnello De Chiara al microfono di Francesca Balestrieri:

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto