la web serie

Banda della Migliara, ultima puntata in anteprima con una serata speciale

Sabato ai Gufi di Latina con gli attori e le foto di Antonio Spirito

Il finto arresto di Paolo Toselli, autore e attore nella web serie in Questura con il Questore Giuseppe de Matteis (a destra)

Il finto arresto di Paolo Toselli, autore e attore nella web serie in Questura con il Questore Giuseppe de Matteis (a destra)

LATINA –  Festa di chiusura ai Gufi per la web serie la Banda della Migliara che ha già riscosso 360 mila visualizzazioni. Con 8000 fan sulla pagina di Fb e diverse immagini e battute che sono entrate nell’immaginario, non solo pontino, martedì 15 Marzo, a partire dalle 18, verrà trasmessa online l’ultima puntata. Come sempre sulla pagina de La Banda su Facebook. Per i fan e i più curiosi, ci sarà un’anteprima sabato 12 Marzo, ai Gufi, che ha deciso di dedicare uno speciale del format proprio alla Banda. Verranno esposte le foto del backstage di Antonio Spirito, il fotografo scomparso di recente che, con le sue immagini, ha contribuito in maniera decisiva all’affermazione della Banda stessa.

La serata sarà accompagnata dalla musica di Little Green Pepperoni, il più giovane collezionista funk e di vinile in Europa e il DJ Angelo Giliberti. L’Armata Brancaleone della criminalità composta da Sarah Jane Ranieri e Giorgia Trasselli, gli attori Riccardo Toselli, Marco Gargani, Fabio Versaci, Giancarlo Commare, Nathalie Cariolle, Simone Finotti, Vincenzo Notaro, Roberto Stabellini, Giorgio Resini, Paolo Resini, Massimo Marini, Gianluca Scaramella, Roberto Tomei, Chiara Cor, Ilaria Scuotto, Egidio Fia, Leonardo Giuliano, Giuseppe Pannone (e dagli operatori Fabio Falzarano, Mathia Cinelli, Luca Scalia, Lorenzo Moriconi, i montatori Paolo De Asmundis, il color corrector Fabio Scalia, i ‘dronisti’ Mauro Cassandra e Andrea Casalvieri) è stata inserita anche all’interno della campagna di sensibilizzazione promossa dalla Questura di Latina e da Libera, per “ridicolizzare” con l’arte criminali e i loro cliché.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto