il meeting

Lazio senza mafie, sette giorni di eventi per sostenere la lotta quotidiana di tanti contro la criminalità

A Latina appuntamento al Liceo Classico con i rappresentanti delle istituzioni e un concerto dedicato al Papa

mLATINA – Da lunedì prossimo 14 marzo il Lazio è senza mafie con il meeting  promosso dalla Regione e organizzato dall’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità.  Eventi, convegni, dibattiti dedicati alla lotta alla criminalità per un totale di venti appuntamenti che coinvolgono tutte le province e chi  ogni giorno è impegnato nella lotta alle mafie: donne e uomini, giornalisti, magistrati e rappresentanti delle Forze dell’Ordine e delle principali Istituzioni per dare forza un grande esercito che si batte. A Latina l’appuntamento è martedì 15 marzo nell’auditorium del Liceo Classico con un concerto dedicato al Papa della Live Aid Symphony Orchestra dal titolo  “DEDICATO – Pensieri di Jorge Mario Bergoglio”. programma_lazio_senza_mafie_ (1)

“Bisogna capire dove essere utili e il salto di qualità è sentirsi parte di una sfida – ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, presentato il secondo meeting  – per noi la battaglia per la legalità è anche una battaglia per lo sviluppo e il lavoro. Se la mafia è presente questo evoca un conflitto, e lo Stato deve capire l’importanza di una economia pulita. Per questo tra le priorità della Regione c’è il rilancio dell’economia proprio nelle zone più attenzionate. Ora è tempo di un impegno civile e culturale”.

“L’impegno nella lotta alla presenza dei clan mafiosi nella Capitale e nel Lazio è una battaglia che può avvenire solo mantenendo alta l’attenzione e le luci sempre accese su un problema drammatico: illegalità e malaffare indeboliscono le coscienze e aggrediscono il tessuto produttivo ed economico del Paese – dice Gianpiero Cioffredi, presidente dell’Osservatorio – servono iniziative per sensibilizzare le coscienze e rendere più forti e legittimate le forze che lottano contro la criminalità” ASCOLTA

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto