le indagini dei carabinieri

Sabaudia, decine di scritte infamanti con la bomboletta spray: preso lo stalker

Una serie di episodi hanno fatto scattare l'arresto per un 48enne del posto

LATINA – Usciva di notte, evadendo dagli arresti domiciliari per imbrattare con scritte diffamatorie realizzate con una bomboletta spray il muro di cinta di casa della sua vittima e altri edifici di Sabaudia. Si trova ora in  carcere per stalking, accusato anche di evasione, diffamazione e danneggiamento un’uomo di 48 anni. Era ai domiciliari dal febbraio del 2018 dopo ripetute violazioni alla misura della sorveglianza speciale. L’arresto questa mattina da parte dei carabinieri della stazione di Sabaudia, su ordinanza del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Latina, Giuseppe Cario.

Le indagini dei carabinieri eseguite anche con appostamenti notturni hanno  documentato le manovre dell’uomo che è ora accusato per una serie di atti compiuti tra il dicembre 2018 e l’aprile 2019: scritte ingiuriose, denigratorie e offensive anche su decine di edifici pubblici della città. “La vittima e il suo nucleo familiare  – spiegano i militari – erano divenuti bersaglio costante di una condotta persecutoria volta alla sistematica denigrazione pubblica delle loro persone tanto che le condotte poste in essere avevano creato una situazione insostenibile. Uno stato di tensione continua e paura con “continui e ossessivi atteggiamenti persecutori e vessatori, dai quali non mostrava di recedere nonostante lo stato di detenzione domiciliare al quale era sottoposto”.

L’uomo non era nuovo a fatti del genere ed anzi per analoghi episodi aveva subito già una sentenza di condanna.

2 Commenti

2 Commenti

  1. Maria Grazia Trevisan

    Maria Grazia Trevisan

    4 Maggio 2019 alle 14:11

    Era ora .

  2. Loredana Di Biasio

    4 Maggio 2019 alle 16:20

    Un uomo – senza apostrofo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto