un campo di bocce per gli anziani

Latina, inaugurato il parco giochi delle Vele. Ater: “Primo passo della rigenerazione urbana del quartiere”

Il sindaco Coletta: "Ridiamo dignità a questi luoghi". Il Questore Spina: "Qui vinciamo noi"

LATINA – Un piccolo intervento che è anche il primo tassello del gigantesco progetto di riqualificazione e rigenerazione urbana già finanziato a Latina dal MIT con il bando Qualità dell’Abitare, destinato a cambiare radicalmente le Vele e non solo. Ha avuto questo significato la consegna, avvenuta questa mattina, di un’area giochi che ora è a disposizione dei bambini, ma anche delle famiglie e degli anziani, con un campo di bocce su cui si sono simbolicamente sfidati l’assessore regionale alle politiche abitative, Massimiliano Valeriani e il sindaco di Latina Damiano Coletta e poi, il questore Michele Spina e il Presidente dell’Ater Marco Fioravante.

“Consegniamo un intervento che cambia in parte la qualità della vita delle persone. Dove c’era un luogo degradato ora c’è un parco attrezzato ed è soltanto l’inizio perché qui avvieremo il più grande programma di riqualificazione urbana e abbattere l’Ex Icos che ci ricorda ogni giorno quanto è brutto vivere in un complesso degradato”, ha detto Valeriani

” Ringrazio l’Ater e la Regione Lazio e anche la presenza del Questore oggi qui è stata molto importante. Andiamo nella direzione della riqualificazione  di questo quartiere con il progetto Qualità dell’Abitare che porterà qui importanti finanziamenti con un presidio di sicurezza, un presidio sanitario e un centro sociale”, ha voluto sottolineare il sindaco di Latina Damiano Coletta.

Il Questore di Latina Michele Spina ha lanciato un messaggio a tutte le famiglie perbene che vivono in un quartiere “etichettato” come criminale e che di questo soffrono: “Rilanciamo oggi il protocollo firmato dal questore De Matteis per la liberazione delle case occupate abusivamente. Le occupazioni abusive causano un doppio danno: privano della casa popolare persone che hanno maturato il diritto ad averla e pone le basi per trasformare il palazzo in un luogo di criminalità”, ha detto.

“Chi occupava abusivamente gli alloggi ha dipinto questa zona come il regno dei delinquenti, degli spacciatori, ma non è così. La presenza del Questore Spina è il segno che le articolazioni dello Stato sono presenti per far vivere tutti più sicuri”, ha detto il presidente dell’Ater di Latina Marco Fioravante.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto