COMMISSIONI BILANCIO
Delibera illeggittima

Marco Picca

Marco Picca

LATINA – Questa mattina in Commissione Commercio la maggioranza ha scritto l’ennesima brutta pagina di politica amministrativa. Il capogruppo del Pdl e altri consiglieri del centrodestra hanno “accusato” il sindaco di Giorgi e gli altri assessori di aver approvato una delibera illegittima, si tratta della 476 del 9 agosto che autorizza lo svolgimento di due mercati sperimentali in Viale Italia e nell’area mercato R6. I consiglieri della maggioranza hanno messo in dubbio la presenza dell’Assessore Picca che risulta presente e votante, inoltre é saltato fuori che a rilasciare il parere di regolarità tecnica non è stato il Dirigente che compare nella delibera, che era in ferie, ma un altro.

“Il Partito democratico esprime profonda preoccupazione per la gestione delle procedure amministrative – commenta il consigliere comunale del Pd Fabrizio Mattioli – Se quanto dichiarato da alcuni consiglieri di maggioranza e messo a verbale, (la presenza dell’assessore Picca che era invece assente), oppure come verificato oggi in commissione rispetto al parere di regolarità tecnica, rilasciato dal dirigente facente funzioni invece che dal dirigente effettivo come risulta dalla delibera, oppure che la delibera è stata controfirmata dal dirigente invece che dall’assessore (che pure sostiene di essere stato presente in giunta) getta un’ombra su quanto sta avvenendo quotidianamente nel Comune di Latina.

Un elemento sul quale è necessario riflettere, perché pensiamo che le stesse parole pronunciate dal capogruppo del Pdl Alessandro Calvi rappresentano un segnale di netta sfiducia nei confronti del sindaco e dell’esecutivo che va ben oltre il merito della questione che si sta affrontando.

Chiederemo alla giunta di revocare la delibera adottata – conclude Mattioli – perché pesantemente viziata nella forma e quindi a rischio legittimità e riteniamo che la profonda frattura politica che si è aperta vada affrontata nelle sedi istituzionali”.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto