Cisterna, ha violentato per tre ore la compagna italiana, arrestato un marocchino

Lo ha bloccato la Polizia alla stazione Termini. E' accusato anche di sequestro di persona

polizia_auto_notte_ufs--400x300CISTERNA – Bloccato con l’accusa di violenza e sequestro di persona, è stato arrestato dalla polizia un uomo di nazionalità marocchina residente a Cisterna. L’uomo, che ha 38 anni, molti alias attraverso i quali cercava di sfuggire ai controlli delle forze dell’ordine, e non pochi precedenti penali, è stato trovato alla stazione di Roma dagli agenti della Polfer e del commissariato di Cisterna che lo cercavano dopo aver raccolto la denuncia disperata della compagna costretta da tempo a subire vessazioni di ogni tipo. L’arrestato si chiama Khalid LAMAMRI, ha 37 anni ed è accusato di violenza carnale aggravata. La donna ha interrotto la relazione dopo i vari litigi e le botte anche a scopo di rapina, ma l’uomo ha continuato a minacciarla. Lo scorso 30 aprile ha tentato di forzare la porta d’ingresso mentre la donna era barricata  in casa, ma è fuggito quando ha capito che l’ex compagna stava chiamando la Polizia. Esasperata dalle continue telefonate, la giovane ha accettato di incontrarlo ieri nei pressi della stazione, ma prima ha chiesto a un’amica di chiamare aiuto nel caso non fosse tornata nel giro di 30 minuti. L’uomo l’ha costretta a ingerire psicofarmaci, e l’ha malmenata e violentata per tre ore. Lo straniero è stato interrotto dall’arrivo del fratello della vittima, ma è riuscito a fuggire. E’ stato rintracciato ieri alla stazione Termini.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto