aprilia

Blitz della polizia in uno stabile abbandonato, 97 stranieri identificati

Il controllo in seguito a numerosi reati e furti perpetrati presso la stazione Termini

L'elicottero della Polizia ha sorvolato a lungo Latina

L’elicottero della Polizia

APRILIA – Blitz della polizia alle prime luci dell’alba in uno stabile abbandonato nella zona di Aprilia. Gli agenti con l’ausilio del Comando Provinciale Carabinieri di Latina, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo e monitoraggio delle persone presenti all’interno dello  stabile, quasi tutti cittadini extracomunitari, prevalentemente di etnia nomade, ritenuti responsabili di numerosi reati tra cui furti perpetrati presso la stazione di Roma Termini.

Nel corso dei controlli sono state identificate 97 persone, tutte di nazionalità rumena, tra cui 22 minori.  I soggetti privi di documento di identificazione, circa 16, sono stati accompagnati presso il Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica per i successivi adempimenti. Un minore era ricercato sul territorio nazionale in quanto colpito da misura cautelare della custodia in carcere perché responsabile di furto aggravato. Il ragazzo è stato trasferito presso l’Istituto Penitenziario Minorile di Roma. Un altro minore, segnalato perché si era allontanato da un centro di accoglienza di Roma, è stato affidato a un’altra struttura.

Sono stati effettuati anche specifici controlli volti alla ricerca di refurtiva e di sostanza stupefacente. Gli agenti della Stradale hanno sottoposto a verifiche 9 veicoli. Mentre un cittadino bosniaco è stato denunciato per porto abusivo di arma e di guida senza patente. Quattro provvedimenti di allontanamento sono stati verbalizzati dall’Ufficio Immigrazione.

All’operazione hanno preso parte gli agenti della polizia ferroviaria di Roma, della Scientifica, dell’Ufficio Immigrazione e anche della sezione polizia stradale di Latina. Sono stati inoltre, utilizzati cani antidroga, il tutto monitorato dall’alto da un elicottero della Polizia di Stato. È stato necessario l’intervento anche della Mobile di Roma e di una squadra del Battaglione Carabinieri Lazio.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto