Operazioni di soccorso

Cisterna, corto circuito nella cameretta dei bambini, pauroso incendio in un palazzo Ater

Paura in via Falcone nel quartiere San Valentino, corsa contro il tempo dei vigili del fuoco per salvare oltre venti famiglie

[flagallery gid=448]

CISTERNA – Terrore a Cisterna in via Falcone nella zona della 167 nel quartiere di San Valentino per un violento incendio divampato in un appartamento al quarto piano. Oltre venti persone sono state salvate dai vigili del fuoco intervenuti con quattro squadre, da Latina, Aprilia, Pomezia e Velletri. Otto,  secondo il bollettino medico, i residenti dell’edificio intossicati a causa delle esalazioni di fumo. Le fiamme si sono sviluppate in una cameretta per bambini e hanno invaso le scale condominiali. Tramontata l’ipotesi della sigaretta, in queste ore, dopo il sopralluogo notturno degli esperti di tracce del Comando provinciale dei vigili del fuoco di Latina,   ha preso corpo quella del corto circuito. Tutti i residenti dello stabile sono stati evacuati, il quarto piano e il sottostante sono stati dichiarati inagibili, il solaio è pericolante e dovrà essere puntellato.

ORE DI PANICO – Sono state ore di panico per gli inquilini e di lavoro frenetico per i vigili del fuoco, fino a notte. In pochi minuti l’intero quarto piano dello stabile dell’Ater è stato avvolto dalle fiamme bloccando le famiglie che gridavano dalle finestre, pregando di essere salvate. Molti sono stati prelevati dall’autoscala in momenti apparsi interminabili. Il fumo denso e acre ha reso l’aria irrespirabile. Gli operatori del 118 hanno prestato assistenza agli intossicati e alle persone sotto shock che hanno perso in pochi minuti la casa.

I LAVORI – I lavori per far rientrare i residenti ai piani non interessati dall’incendio cominceranno questa mattina, per ora nessuno può accedere.  Il sindaco di Cisterna Eleonora della Penna si è attivata per collocare molte famiglie in albergo altri hanno raggiunto le abitazioni di parenti.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto