Il dopo gara

Somma: non si può prendere un gol così ma siamo in crescita

Il tecnico analizza il pareggio beffa contro la Salernitana e la rete che ha riaperto il match

Shares

Somma

LATINA- C’è molta amarezza sulla sponda nerazzurra per una vittoria sfumata che ha messo a nudo ancora una volta i limiti della squadra pontina, incapace di chiudere e blindare la partita e una vittoria costruita producendo un calcio gradevole. <Prendiamo per la seconda volta consecutiva lo stesso gol di Avellino, cambia il portiere e rimane lo stesso giocatore. Non posso sapere dalla panchina chi chiama e chi lascia, non si può prendere per la seconda volta di fila un gol del genere. Ad Avellino ci aveva mandato sotto, oggi ha riaperto la partita>. Sono le parole che ha detto negli spogliatoi il tecnico Mario Somma alla squadra, come ha confermato l’allenatore pontino in sala stampa e il riferimento è all’incertezza di Brosco insieme a Farelli che ha spalancato la porta a Donnarumma per riaprire la partita.  <La Salernitana? Hanno dei giocatori molto forti che hanno bisogno di essere monitorati – ha detto Somma –  servono sentinelle a raddoppio. Hanno sempre bisogno di essere monitorati, quando vanno 4-2-4 e hai due palle gol per fare il 3-0 e non lo fai, è quello il momento decisivo. Con quel rischio che prendono, qualcosa creano, al di là che possa essere scaturito da un errore nostro. Detto questo, ci sta che puoi rischiare qualcosa. Al di là dell’analisi dell’episodio, la crescita della squadra è evidente. Non stiamo raccogliendo quanto meritiamo, non solo oggi, ma c’è una crescita che sintetizzo nelle palle gol create e subite e nei modi. Non posso che fare i complimenti ai ragazzi e richiamarli a un’attenzione maggiore, e mi riferisco al fatto di non averla chiusa. Non possiamo avere 8-9 palle gol e poi soffrire>. Nella foto Mario Somma (Lega serie B)

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto