la lettera di intenti firmata

Latina, stop a degrado e dormitori abusivi, Comune e Questura si alleano

Ex mercato annonario, mercato del martedì, Colosseo ed ex Svar le prime emergenze da affrontare

lettera

LATINA – “Latina vuole mantenere l’impegno assunto alcuni mesi fa in tema di legalità”. Il sindaco Damiano Coletta annuncia in questo modo la sottoscrizione di una lettera di intenti con la Questura di Latina che servirà anche a riportare l’ente in possesso degli immobili di sua proprietà occupati senza titolo. Non si tratta solo di case.

Sotto la tettoia del vecchio mercato annonario, per esempio,  ci sono da tempo giacigli che segnalano una situazione di degrado umano e sociale. E’ il posto scelto come casa da alcuni senzatetto e non c’è verso di allontanarli da lì. I servizi sociali del Comune (prima sotto il commissario Barbato, adesso con l’assessore Ciccarelli) ci hanno provato a più riprese, sempre con scarsi risultati: gli homeless vengono accompagnati nel  dormitorio pubblico, in Via Villafranca, e due giorni dopo torna tutto come prima, di nuovo materassi, coperte e le buste con gli effetti personali in cima alla scala dell’edificio in Via Don Morosini.

Lo stesso accade nella struttura che doveva essere il bar a servizio del mercato settimanale di Latina, in Via Rossetti. L’edificio è andato in fumo da alcuni anni in un  incendio causato proprio dai senzatetto che usano il fuoco per scaldarsi e cucinare; la struttura è inagibile e molto pericolosa, ma tra le pareti carbonizzate e i vetri esplosi, vivono persone che non hanno dove altro andare. All’esterno stendono i loro panni.

C’è una terza situazione complessa, anzi senza dubbio la più delicata. E’ quella che riguarda le occupazioni abusive degli appartamenti del Colosseo di Latina per sgomberare le quali si agirà sotto il coordinamento della Prefettura. la ex Svar è un altro caso all’attenzione.

Sono quelle appena elencate le situazioni che saranno affrontate subito, grazie alla sinergia tra Comune e Questura. La lettera di intenti è stata firmata questa mattina nella sala Enzo De Pasquale dal Sindaco Damiano Coletta e dal Questore Giuseppe De Matteis uniti per recuperare beni immobili di proprietà comunale illegittimamente detenuti e riportare la legalità. “Non si tratterà solo di sgomberare, passaggio essenziale nella procedura in mancanza di collaborazione, ma anche di trovare immediatamente dopo una soluzione e una sistemazione a chi non potrà più abitare gli immobili del Comune”, ha spiegato il sindaco Coletta che prima della firma del protocollo, come ogni martedì ha dedicato due ore della sua mattina all’ascolto dei cittadini, raccogliendo il racconto di tante situazioni di grave disagio.

 Da dove si comincia lo spiega il sindaco Damiano Coletta

I due rappresentanti istituzionali accompagnati dal vicesindaco Paola Briganti, dal comandante della Polizia Municipale, Passeretti e dai capi di gabinetto Manuela Iaione e Vincenzo Abbruzzino, hanno illustrato intenti e procedura: “L’alleanza con il Comune e i servizi sociali serve a dare concretezza all’azione della Polizia, che non riguarda solo il contrasto alla criminalità, ma anche l’intervento in situazioni degrado con l’obiettivo del ripristino delle condizioni di legalità. Senza un ente che completi per le sue competenze l’azione, il nostro compito diventa meramente chirurgico e non curativo – spiega il Questore De Matteis. Ogni dieci giorni si riunirà il tavolo tecnico che stabilirà le priorità.

ASCOLTA

IL TESTO DELLA LETTERA DI INTENTI

lettera-di-intenti

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto