cronaca

Incidente sulla Monti Lepini a Prossedi perdono la vita padre e figlioletto. Grave la sorellina

Il dramma nello scontro tra due auto. Grave un uomo. Sul tratto lunghe code

PROSSEDI – Padre e figlioletto hanno perso la vita in un drammatico incidente stradale che si è verificato nel pomeriggio di oggi intorno alle 16,30 sulla Via dei Monti Lepini  al km 18,400 dove si sono scontrate una Fiat Punto Evo e una Mercedes 220 C. L’impatto è stato violentissimo e per le due vittime, Alberto Notarberardino, un uomo di Palestrina di 52 anni e il figlio di 5 anni che era agganciato al seggiolino, non c’è stato nulla da fare. Ferita gravemente anche l’altra figlia dell’uomo, una bambina, e il conducente della Mercedes, un medico di Sora.

Sul posto sono intervenuti il 118 anche con l’eliambulanza e i vigili del fuoco che hanno estratto i feriti. Il traffico è andato in tilt e si sono formate lunghe code in entrambi i sensi di marcia tra il bivio Terracina e Prossedi. Toccherà ai carabinieri ricostruire con esattezza le cause dell’incidente e le responsabilità.

5 Commenti

5 Commenti

  1. Germano Buonamano Mancaniello

    Germano Buonamano Mancaniello

    23 Luglio 2017 alle 18:52

    Preghiamo!.

  2. Stefania Peri

    Stefania Peri

    23 Luglio 2017 alle 22:07

    Mi dispiace per le persone ma noi abbiamo avuto un santo uomo con uno scooter che ci a fatto tornare indietro e ci a fatto fare un altra strada santo uomo

  3. Elena Aprile

    Elena Aprile

    23 Luglio 2017 alle 23:00

    Come si fa a mettere “mi piace” a una notizia del genere? Una tragedia terribile, davvero non si può!

    • Germano Buonamano Mancaniello

      Germano Buonamano Mancaniello

      24 Luglio 2017 alle 11:52

      Se una persona umana clicca il mi piace su di un post che racconta la gravità di ciò che attualmente accade tutti i giorni nella nostra zona e soprattutto in quelle limitrofe non vuol dire che la mi gioisce. A prescindere piace oppure no!, questa è la purtroppo triste realtà dei fatti un giorno si e l’altro pure su queste strade maledette succede quello che non dovrebbe succedere ma che troppo spesso succede.

  4. Rotondo Emanuele

    Rotondo Emanuele

    24 Luglio 2017 alle 14:45

    si puo’ dire che tantissimi morti son da addebitare ai politici chieci e ottusi che nel 2000 ancora progettano strade da anni 1915 Un altra cosa da fare sarebbe e si può ancora fare e quella di denunciare per omicidi colposi per tutti quei morti sulle strade .a partire dall’appia terracina /velletri! pper non parlare poi dei morti sulla pontina .Penso che come con i nazisti subito la fine del guerra si rifugiarono nel sud america .sono stati rintracciati e condannati per i loro crimini di guerra! anche per quei politici che dal 1944 ad oggi non hanno ottemperato al loro lavoro per la crescita e sicurezza dei cittadini .tra tanti forse hanno perso la vita grazie a questi disonesti che non hanno pensato al bene e alla sicurezza sulle strade ,facendo morire centinaia di persone ! questi si ,sono anche loro criminali !! badate che migliaia di questi sono ancora in vita e si potrebbero indagare e condannare !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto