gli sviluppi

Cessna caduto, ascoltati i superstisti: “I motori si sono bloccati”

La Procura coordina le indagini dei carabinieri sull'incidente aereo avvenuto domenica a Pontinia

Uno dei superstiti portati via (foto Enrico de Divitiis)

LATINA  – “I motori si sono improvvisamente bloccati, siamo caduti come un sacco”. E’ quanto hanno riferito i tre superstiti della sciagura aerea di Pontinia ai carabinieri della Compagnia di Latina che li hanno ascoltati nelle indagini sull’incidente aereo avvenuto domenica a Pontinia  in cui hanno perso la vita Antonio Belcastro e Umberto Bersani.

PRIMA PERIZIA – L’aereo era ancora in fase di decollo, forse ad un’altitudine di 20-30 metri dal suolo quando si è verificato il guasto improvviso che non ha lasciato margine di manovra al pilota esperto di Sermoneta,  morto poche ore dopo lo schianto.  Una prima perizia effettuata sui resti del velivolo, avrebbe confermato che l’aereo è atterrato su un lato e che l’elica doveva essere bloccata essendosi danneggiata solo da una parte. Se fosse stata in movimento rotatorio infatti, nell’impatto si sarebbe dovuta distruggere completamente. Il velivolo secondo i riscontri effettuati dai militari era in regola comunque con tutte le autorizzazioni per il volo.

GLI INDAGATI  – L’inchiesta del pm Simona Gentile va avanti e aumentano intanto gli indagati. Con il presidente dell’associazione Pegaso 2000 che gestisce l’aviosuperficie dalla quale domenica era partito il Cessna che poco dopo si è schiantato al suolo, sono stati iscritti sul registro degli indagati come atto dovuto, anche il rappresentante della società  di Alessandria proprietaria del velivolo e il responsabile dell’officina meccanica che effettuava la manutenzione sull’aereo.

L’AUTOPSIA – Nessuna sorpresa secondo quanto si apprende è arrivata dalle autopsie eseguite a Tor Vergata dal medico legale Filippo Milano sui corpi del pilota Antonio Belcastro, 56 anni di Sermoneta,  e del paracadutista esperto Umberto Bersani, 72 anni di Terracina. In entrambi i casi il medico legale ha confermato che le lesioni e i gravissimi traumi al torace e al cranio riportati nell’impatto al suolo e compatibili con l’incidente. Un adempimento necessario disposto dalla Procura di Latina per eliminare ogni dubbio sulle cause del decesso.

LE ESEQUIE – Eseguito l’esame autoptico , le salme sono state restituite alle famiglie per i funerali. Si svolgeranno alle 15,30  nella chiesa del Santissimo Salvatore a Terracina le esequie di Umberto Bersani, l’imprenditore era molto conosciuto in città e la notizia della sua scomparsa ha destato profondo cordoglio. Sabato alle 15 presso la Chiesa di San Francesco d’Assisi in via dei Cappuccini a Latina si terranno invece le esequie di Antonio Belcastro.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto