la notte tra il 18 e il 19 settembre

Da Ponza a Ventotene con una sola gamba, l’ultima sfida di Salvatore Cimmino

Il nuotatore speciale richiama così l'attenzione sulle problematiche dei disabili: "Un mondo senza barriere"

PONZA – Nuoterà dall’isola Ponza (dove in questi giorni si sta allenando), fino a Cala Rossano, a Ventotene percorrendo 50 chilometri in circa 14 ore. E’ la prossima impresa in acqua di Salvatore Cimmino, nuotatore privo di una gamba, ma con un fisico fortissimo e una volontà di ferro che gli serve per raccontare al mondo i problemi della disabilità e chiedere più attenzione. Il percorso è stato reso noto dall’associazione Luca Coscioni, che ha scelto il nuotatore speciale come simbolo delle battaglie per le libertà civili.

LA PARTENZA – La partenza della XIV Tappa del giro del mondo a nuoto che Cimmino sta compiendo, sarà stanotte (mezzanotte del 19 settembre) dalla spiaggia di Sant’Antonio in Via Dante Alighieri per arrivare intorno alle 14 circa sulla spiaggia tristemente nota per il crollo in cui rimasero uccise due studentesse romane di scuola media, resa oggi accessibile alle persone con disabilità grazie all’adesione del Comune isolano al Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche (il P.E.B.A ). Esattamente il tema che Cimmino affronterà dopo la traversata in una conferenza stampa  dal titolo “I piani per l’accessibilità, una sfida per promuovere l’autonomia e l’integrazione delle persone con disabilità”. Il nuotatore durante la traversata sarà sotto controllo costantemente da parte dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna che monitorerà i dati fisiologici, biomeccanici e ambientali.

“Grazie alla collaborazione e all’entusiasmo del Sindaco di Ventotene, Gerardo Santomauro e del Sindaco di Ponza, Franco Ferraiuolo – dice Cimmino – , siamo riusciti a ri-programmare per il giorno 19 settembre la tappa Ponza Ventotene, saltata a giugno a causa delle avverse condizioni meteo-marine. La vicinanza, l’ascolto, la solidarietà: sono valori fondamentali che mi hanno sempre spinto nelle lotte che ho intrapreso nel corso degli anni, la convinzione che nessuno debba mai essere lasciato solo o indietro nella vita”, aggiunge chiedendo sostegno per “l’ importante tappa attraverso la vostra presenza, alla partenza, sulla spiaggia di Sant’Antonio alle ore 23:59 del 18 settembre, e all’arrivo, tra le ore 14:00 e le ore 16:00, al Porto Romano il 19 settembre”

.
“Cimmino è il caparbio simbolo della battaglia alle difficoltà che affrontano ogni giorno le persone portatrici di handicap, alle assurde prese con barriere architettoniche, sociali e culturali. La sua grinta è la risposta a ogni discriminazione, affinché tutti possano beneficiare di pari diritti e opportunità», ha detto il segretario Associazione Luca Coscioni Avv. Filomena Gallo, “A livello politico il Parlamento ha i numeri per continuare a conquistare riforme civili e di libertà. Definirsi “governo del cambiamento”, significa concretizzare una riforma della sanità che rispetti il principio di equità nell’accesso alle cure; applicare pienamente la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, rimuovere le barriere architettoniche varando politiche idonee alla conduzione di una vita indipendente e aggiornare efficacemente la lista dei Livelli essenziali di assistenza e del Nomenclatore tariffario degli ausili e delle protesi”.

Prima della Ponza-Ventotene, Cimino, ha attraversato il lago di Tiberiade in Israele e il Lago Victoria in Canada; ha nuotato da Trieste a  Kopar tra Italia e Slovenia, ha percorso 47 chilometri nel Rio Paranà in Argentina; e da Cuba alla Florida solo per ricordare alcune delle 12 imprese.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto