la posizione ufficiale della società

Il Palabianchini non è pronto, la Top Volley Latina giocherà “in casa” a Caserta

"Si stanno valutando soluzioni alternative come Cisterna che potrebbe essere definitiva"

LATINA – La Top Volley non giocherà il prossimo campionato di Superlega al PalaBianchini, perché la struttura non è pronta. Ad un passo dall’avvio della stagione, infatti, i lavori di adeguamento richiesti dalla Lega pallavolo di serie A, che quest’anno non concede deroghe o assunzioni di responsabilità da parte dei sindaci (come avvenuto sempre in passato) e vuole certificazioni dagli organi competenti,  non sono ancora partiti.

LA NOTA DELLA TOP VOLLEY LATINA – In una nota arrivata sabato mattina, dopo gli articoli di stampa apparsi questa mattina,  la società guidata dal presidente Gianrio Falivene  “precisa che vista l’attuale mancanza dei requisiti per l’utilizzo durante il campionato del PalaBianchini di Latina e, considerata la necessità di indicare un impianto di gioco omologato e rispondente così alle specifiche imposte dalla Lega Pallavolo Serie A, nei mesi scorsi la società si è cautelata indicando come impianto di gioco il palazzetto dello sport di Castel Morrone a Caserta che, per caratteristiche, attualmente è l’impianto indicato per lo svolgimento delle gare ufficiali interne”.

Ieri in occasione del primo test a porte chiuse, giocato alla presenza della stampa e degli altri media,  era ovvio che il discorso sarebbe andato anche sui lavori di adeguamento dell’impianto elettrico e sulla capienza che deve salire a 2400 posti (queste le disposizione della Lega Pallavolo). Con l’impianto non ancora adeguato, le prime gare in casa  – è stato spiegato dal presidente Gianrio Falivene – saranno giocate in trasferta, a Caserta, appunto, così come era stato indicato al momento dell’iscrizione.

VERSO CISTERNA – Il campionato comincerà dunque in Campania, ma poi la società potrebbe tornare. Ma per andare dove? “Si stanno valutando  – prosegue la società – possibilità alternative tra cui quella di utilizzare il palazzetto dello sport di Cisterna di Latina ma la società è in attesa che questa struttura sia prima ufficialmente completata per poi prendere formalmente una posizione in merito anche se risulta evidente che questa opzione, vista la capienza della struttura di Cisterna di Latina, potrebbe essere la soluzione definitiva ai problemi legati alle direttive di capienza imposte dalla Lega Pallavolo Serie A che entreranno comunque in vigore in futuro”. Ma anche il palazzetto di Cisterna non è pronto: manca all’allaccio alla corrente e all’acqua, servono anche le balaustre e l’impianto di trattamento dell’aria. Tutti lavori che il sindaco Mauro Carturan si è comunque impegnato a realizzare entro tempo breve, al massimo dicembre, dopo che l’obiettivo di farlo dei primi 100 giorni di amministrazione è tramontato.

Magra consolazione sapere che a partire dal campionato del prossimo anno, la struttura di via dei Mille a Latina non sarebbe comunque stata più adeguata ad ospitare partite di Superlega proprio per il numero dei posti a sedere inferiore a quello richiesto dalle nuove norme, poteva essere comunque l’ultimo campionato giocato in casa.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto