sassi contro gli automobilisti

Presa la banda dei rapinatori della Pontina, sono quattro rom residenti nel campo nomadi di Castel Romano

Uno è minorenne. L'indagine della polizia stradale di Aprilia

APRILIA – Sono quattro cittadini di origine rom che vivono nel Campo nomadi di Castel Romano gli autori delle pericolose sassaiole notturne a scopo di rapina compiute lungo la Pontina al km 24,400. La banda si appostava tra le siepi e colpiva con massi pesanti  le auto di passaggio rischiando di causare incidenti, mettendo a rischio la vita degli automobilisti per costringerli a fermarsi in un vicino distributore e poterli depredare. Veri e propri agguati studiati nel dettaglio che hanno causato danni anche pesanti e il ferimento di alcune vittime. Dopo un’approfondita indagine i responsabili sono stati individuati e denunciati dalla polizia stradale di Aprilia diretta dal comandante Massimiliano Corradini. Uno di loro è minorenne.

 

3 Commenti

3 Commenti

  1. Germano Buonamano Mancaniello

    Germano Buonamano Mancaniello

    19 settembre 2018 alle 13:09

    Il campo room di Castel Romano voluto dalle Coop Rosse il nuovo partito che avanza indisturbato.

  2. Elisa Feliziani

    Elisa Feliziani

    19 settembre 2018 alle 13:13

    Maledetti! Ma può essere che non si riesce a far nulla per buttarli fuori! !

  3. Emanuele Astearoma

    Emanuele Astearoma

    19 settembre 2018 alle 13:43

    Figli prediletti di Dio, talmente speciali che paghiamo un ente statale chiamato OPERA NOMADI x sostenere questa ammirevole etnia e la loro cultura superiore. Non può esistere OPERA ITALIANI O MOLISANI O LIGURI OD ABBRUZZESI xkè sarebbe razzismo, invece vengono agevolate e protette culture ed etnie nomadi. Figli prediletti di Dio come affermò Bergoglio quando li ha ricevuti a San Pietro. Noi esseri miseri ed ordinari… Possiamo solo ammirarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto