16 marzo

Ada Wilbraham Caetani, un nome di donna per la strada che porta a Fogliano

La cerimonia di intitolazione sabato all'appassionata alpinista che creò il Giardino botanico

La famiglia Caetani a Fogliano: da sinistra: Leone, Roffredo, Livio, Giovannella, Gelasio, Michelangelo. Ad inizio il capofamiglia Onorato, alla fine in abito nero la duchessa Ada Wilbraham Caetani

LATINA – Dopo l’Oasi urbana intitolata a Susetta Guerrini e la piazza dedicata a Ilaria Alpi, arriva Via Ada Bootle Wilbraham Caetani, ed è quella che porta fin dentro Fogliano, dove il giardino botanico racconta un pezzo di questa affascinante donna europea.

La cerimonia di intitolazione è stata fissata per sabato 16 marzo a partire dalle 15 quando sarà scoperta la targa posta all’incrocio tra via Isonzo e via Litoranea, poi sarà presentata un’installazione dedicata ad Ada e infine Lauro Marchetti e Paolina Rinaldi della Fondazione Roffredo Caetani guideranno una visita al Giardino di Fogliano.

CHI ERA – Coraggiosa alpinista, abile amazzone e allevatrice di cavalli, Ada Bootle Wilbraham Caetani, nata a Londra nel 1846, fu moglie del duca Onorato Caetani, dunque duchessa di Sermoneta. La sua biografia la descrive “instancabile e audace, appassionata”. Ne ha ricordato l'”intrepida impresa” anche la rivista Le Alpi Venete del Club Alpino Italiano del Triveneto, che le ha dedicato un lungo articolo ricordando di quando, in vacanza sulle Dolomiti orientali decise di scalare la Cima Piccola delle Tre Cime di Lavaredo, una parete di roccia verticale. Era  Ferragosto del 1882, la nostra aveva 36 anni ed era madre di cinque dei suoi sei figli. “La coraggiosa Duchessa corse un serio peri­colo, ma non si scoraggiò per questo, e con quella calma e quella presenza di spirito che sono rare anche in provetti alpini­sti, proseguì l’ascensione. Giunse quindi sulla vetta che le nebbie avevano ravvolta d’impenetrabile velo”.

PERCHE’ UNA STRADA – L’intitolazione avviene nell’ambito del “Progetto 8 marzo, tre donne tre strade” dell’associazione “Toponomastica Femminile” cui ha aderito il Comune di Latina, che ha emesso un avviso pubblico per scegliere a quali donne  intitolare tre vie, piazze o giardini della città:  “Una iniziativa, la visita al Giardino – dicono dal Comune di Latina –  che si inserisce perfettamente nel progetto di rilancio e valorizzazione della tenuta di Fogliano dove a febbraio la Fondazione Roffredo Caetani ha inaugurato una importante mostra donando 40 preziose immagini di fine ‘800 e inizio ‘900 inedite e digitalizzate, a memoria dell’importanza del luogo nella storia della nobile famiglia e della città”.

1 Commento

1 Commento

  1. Angela Della Longa

    Angela Della Longa

    14 Marzo 2019 alle 16:52

    La prima inaugurazione di strada con un senso logico…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto