una tantum

Trasporto scolastico, il Comune di San Felice eroga un contributo straordinario

L'assessore Capponi: "Ridurremo di un 20% le spese dei trasporti scolastici"

Shares

SAN FELICE CIRCEO – Il Comune di San Felice Circeo ha approvato uno stanziamento straordinario una tantum da destinare alle famiglie con Isee fino a 20mila euro, per contribuire alle spese di trasporto scolastico, come parziale rimborso degli importi 2020 per le famiglie i cui figli frequentano la scuola primaria e secondaria di primo grado.

“Avevamo preso un impegno e lo abbiamo mantenuto – spiega Felice Capponi, assessore comunale alla Scuola –Attualmente, le famiglie pagano un canone annuo di circa 405 euro, diviso in nove rate: con questo contributo, valido per i mesi da settembre a dicembre, ridurremo di un 20% le spese dei trasporti scolastici.”

La somma sarà  definita sulla base della situazione economica della famiglia, desumibile dall’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) per fasce ISEE secondo questa tabella:

 “Ci tengo a ringraziare l’Europa Viaggi – continua l’assessore Capponi – che grazie all’impegno del suo titolare, Antonio Ronci, ha messo a disposizione mezzi con più posti di quelli previsti inizialmente, per favorire un distanziamento fisico maggiore tra gli studenti sugli scuolabus. In questo momento difficile, bisogna combattere il Covid con tutti i mezzi e, al tempo stesso, cercare di sostenere economicamente la nostra comunità.”

L’iniziativa del Comune per le famiglie segue quella recente per le aziende e i professionisti. A settembre, al fine di sostenere l’imprenditoria locale, l’Amministrazione aveva ridotto del 40% la tassa sui rifiuti per le utenze non domestiche, sia per la parte fissa che per la parte variabile.

“Stiamo cercando di sostenere la nostra comunità – sottolinea il primo cittadino Giuseppe Schiboni – dalla riduzione della pressione fiscale per i professionisti e le aziende, al taglio di alcune spese per le famiglie. Dove possibile, il Comune interverrà per andare incontro alle esigenze della cittadini”.

 

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto