Trasporti scolastici, vertice in Prefettura: “Non ci sono criticità particolari”

Nessun caso di covid nelle tre scuole sentinella a Latina, Aprilia e Fondi

LATINA – L’attività di screening effettuata con test salivari nei tre istituti scolastici della provincia di Latina individuati come “scuole sentinella”, non ha evidenziato casi di positività al covid tra gli studenti che si sono sottoposti al monitoraggio. E’ quanto riferito dalla Asl al tavolo convocato dal Prefetto di Latina Maurizio Falco con la partecipazione, oltre che dell’azienda sanitaria,  dell’Ufficio scolastico provinciale e dei Comuni di Cisterna, Terracina, Gaeta e Formia.  Le scuole interessate sono state l’istituto comprensivo Volta di Latina, il Gramsci di Aprilia e il Garibaldi di Fondi, ma le attività proseguiranno nei prossimi giorni presso altri plessi scolastici.

L’incontro verteva sul tema dei trasporti scolastici con l’obiettivo è stato quello di monitorare l’andamento dei trasporti a dieci giorni circa dall’avvio del nuovo anno scolastico. Nel corso dell’incontro  – si legge in una nota della Prefettura – non sono state segnalate particolari criticità legate ai mezzi del trasporto per gli studenti, anche se è stato evidenziato da parte dell’Ufficio scolastico che alcuni istituti della provincia, di fronte alle nuove fasce orarie previste dal piano, hanno richiesto alla Regione di considerare un possibile, ulteriore potenziamento ad hoc delle corse in atto. Il dirigente dell’Ufficio scolastico ha evidenziato come siano state soddisfatte quasi tutte le richieste di variazione per motivate esigenze logistico- territoriali, segnalando che per l’istituto Ramadù di Cisterna si sta valutando la possibilità di concedere una deroga agli orari di ingresso. Dalla sintesi degli interventi è emersa una sostanziale approvazione da parte dei sindaci del nuovo schema operativo, reso particolarmente efficace dalla sua flessibilità, attraverso misure calibrate alle esigenze territoriali, derivante dai rapporti diretti tra i Comuni e la Regione. Forze dell’ordine ed enti locali, alla luce delle indicazioni contenute nel piano e rese operativi da specifici tavoli tecnici svolti presso la questura di Latina, hanno potenziato i controlli anti assembramento in prossimità degli istituti scolastici del territorio”, conclude la nota.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto