dati 11 gennaio

Covid, 5 morti e 1600 contagi a Latina e provincia. Deceduta una 52enne

Più di 18mila persone contagiate in isolamento a casa. Tasso di positività al 16,49%

LATINA – Una nuova impennata nei contagi da covid e cinque decessi è il pesante dato di oggi. Sono 1599 i nuovi casi di positività registrati a Latina e provincia che hanno riguardato cittadini pontini (ai quali si aggiungono altri 97 casi di non residenti diagnosticati sul territorio per un totale di 1696). Ieri era lunedì e l’attività di screening è stata massiccia: oltre 10mila tamponi (tra quelli eseguiti in strutture pubbliche e quelli effettuati dalle farmacie) per un numero di contagi che continua a salire come era del resto previsto secondo una curva che continuerà la sua progressione almeno fino a metà gennaio. Il tasso di positività è al 16,49%.

DECESSI – I morti erano quasi tutti non vaccinati, tutti sofferenti di patologie pregresse anche molto comuni. Sono una donna di Cisterna di 52 anni, un uomo di Aprilia di 66 e tre di Latina, due anziane di 89 e 90 anni e un uomo di 81 anni.

RICOVERI – Nove persone sono state ricoverate al Goretti di Latina, mentre per altri quattro la Asl ha dovuto trovare posto in ospedali romani.

COME PER COMUNE –  A Latina il numero dei contagi resta elevatissimo, sono stati 483; 152 a Terracina, 129 ad Aprilia e 126 a Fondi. Nel comune pontino che per primo è stato zona rossa a inizio pandemia il covid ha ripreso vigore e nel giro di due settimane la situazione si è radicalmente trasformata. A tre cifre anche i contagi a Formia che sono stati 101. Tra i comuni lepini il dato più alto è quello registrato a Sezze con 84 nuovi casi di positività in 24 ore. Anche a Minturno, i contagi hanno ripreso a correre e sono stati 61 nelle ultime ore, 54 quelli emersi a Sabaudia.

LE VACCINAZIONI – In aumento le vaccinazioni ora quasi a quota 7000. Nelle ultime 24 ore sono state somministrate 6798 dosi di cui 589 prime dosi, 825 richiami e 5384 dosi booster.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto