Si arrampica e precipita dalla scogliera di Torre Fico, morto Gianluca Masala

Oggi sopralluogo della capitaneria di Porto per cercare di ricostruire la dinamica

Shares

torre-del-fico

SAN FELICE CIRCEO – E’ ancora incerta la dinamica dell’incidente avvenuto domenica sulla scogliera di Torre Fico, dove un ragazzo di San Felice Circeo, Gianluca Masala, è precipitato per oltre 18 metri. Per questo un sopralluogo è stato effettuato oggi dagli uomini della capitaneria di porto.  Per il giovane non c’è stato nulla da fare, è morto sul colpo. 

Secondo la ricostruzione fatta anche dagli amici che si trovavano con Gianluca, il ragazzo si era avventurato in un percorso rischioso, evidentemente sicuro della sua agilità, quando è scivolato ed è precipitato nel vuoto sbattendo prima sulle rocce e finendo poi in mare. Inutili i tentativi dei medici dell’elisoccorso che per mezz’ora hanno provato a rianimarlo. Gianluca è morto poco dopo davanti allo sguardo impietrito dei suoi amici al porto dove era arrivato trasportato via mare.

Secondo il racconto degli amici del ragazzo, sconvolti dalla tragedia, la giornata era trascorsa in allegria, sugli scogli e quando ha cominciato a fare fresco e il solo a calare, la comitiva ha deciso di mettersi sulla strada del ritorno. Gli amici di Gianluca si sono avviati sul sentiero battuto di Torre Fico, mentre lui ha improvvisato una «scalata» a mani nude sulla scogliera. Una decisione che gli è stata fatale: improvvisamente ha perso l’appiglio precipitando sulle rocce e poi in mare. Uno degli amici si è subito tuffato in acqua per recuperarlo ed è riuscito a portarlo sugli scogli. Qui la comitiva è stata raggiunta dai sanitari dell’elisoccorso che sono stati anche aiutati dalla Capitaneria di Porto a raggiungere il posto. I medici hanno provato a rianimare il ragazzo per mezz’ora praticando il massaggio cardiaco, ma ogni tentativo si è rivelato vano. Gianluca è morto per le gravi ferite riportate nella caduta. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri che stanno ora indagando insieme con la Capitaneria di Porto

Ora il corpo del ragazzo è a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che ne ha disposto l’autopsia.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto