L’UGL Polizia di Stato incontra il Questore Intini

Come garantire la sicurezza nel territorio pontino?

Questura latina bandiereLATINA – Garantire continuità  e sicurezza ai cittadini, non solo nel capoluogo ma in tutto il territorio pontino. Su questo tema il sindacato UGL Polizia di Stato ha chiesto e ottenuto un incontro con il Questore Intini “per ricercare una soluzione quanto più possibile partecipata per dare una risposta alle condivisibili rimostranze del personale, che ogni mese rigira tra le mani una busta paga sempre più insoddisfacente, nonostante gli aumentati carichi di lavoro – ha spiegato il segretario provinciale Elvio Vulcano  secondo il quale “la mancata realizzazione del turn over penalizza specialmente coloro che, ormai ultraquarantenni, sono costretti a sobbarcarsi le proprie incombenze e quelle di chi avrebbe potuto essere assunto ed è invece escluso dal mondo del lavoro per mere ragioni di bilancio”.  

Vulcano sottolinea come “per lo sviluppo di indagini e altro, i poliziotti sono obbligati ad effettuare ore e ore di lavoro straordinario, ciascuna delle quali remunerate (chissà quando?) in modo nettamente inferiore rispetto a quella “normale” . E che tutti gli eventi che vedono una partecipazione corale dei cittadini (per esempio, la recente marcia contro le mafie, le partite del Latina Calcio) comportano lo studio e lo sviluppo di una strategia (con un ridotto budget) per garantire il corretto svolgimento degli stessi ; ma l’ impegno senza soste degli agenti riesce anche a dare forti risposte alla criminalità, come accaduto in specie di recente, e ciò mi ha inorgoglito e come cittadino e come appartenente alla Polizia di Stato. A fronte di tutto ciò,  molto spesso, gli agenti subiscono la decurtazione delle ore di lavoro straordinarie effettuate”.
Al termine del cordiale e fruttuoso confronto, il Segretario Nazionale Silvano Spadaro e il Segretario Regionale Roberto Tatarelli hanno condiviso con Vulcano l’ impegno di assicurare al Questore Intini e al suo Vice Mannoni la loro collaborazione per ricercare, anche a livello ministeriale, una soluzione che ricompensi i sacrifici del personale.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto