A Rocca Massima l’impianto a fune aerea più lungo del mondo

ROCCA MASSIMA FUNE

Un “volo dell’angelo” (foto by www.flyinginthesky.it)

ROCCA MASSIMA – E’ stato installato questa mattina il primo cavo dell’impianto sportivo a fune aerea più lungo del mondo. A Rocca Massima, il paese di montagna più alto di tutta la provincia pontina, con i suoi 760 metri di altezza, sono cominciati i lavori per la costruzione di ‘Flying in the sky’, chiamato anche  “Volo dell’angelo”.

La struttura sarà inaugurata ufficialmente l’ultima domenica di agosto e secondo le previsioni attirerà numerosi turisti e appassionati di sport estremi. Esistono infatti, solo venti strutture simili in tutto il mondo, due in Italia, a Pietrapertosa in provincia di Potenza e ad Albaredo in provincia di Sondrio.

Ma questa di Rocca Massima le supera tutte per lunghezza: 2213 metri di cavo ad estensione unica (dal belvedere alla località Fevora), lungo i quali gli appassionati potranno volare fino a 140 km orari.

Grande soddisfazione per il sindaco di Rocca Massima Angelo Tomei: “Dopo 5 anni di attese e burocrazia, tra sopralluoghi, visure, progetti, sondaggi geologici, possiamo dire che ce l’abbiamo fatta. Un progetto nato quasi per caso, all’inizio per promuovere le bellezze paesaggistiche pensavamo a una funivia, impresa impossibile per costi e autorizzazioni varie. Poi su internet abbiamo scoperto il cosiddetto “volo dell’angelo” e abbiamo fatto questa scommessa.  Un impianto – spiega il sindaco – che attirerà turisti da tutto il mondo e farà da volano a tutta l’economia del territorio, dalle aree incontaminate che circondano il paese ai prodotti gastronomici locali. E’ stato emozionante oggi assistere alle operazioni sia per l’abilità dei tecnici e lo scenografico posizionamento del cavo aereo, che per il momento storico per il paese. Altre iniziative si affiancheranno a questo impianto sportivo così da ampliare l’offerta turistica ed attrarre visitatori da tutta Italia”.

Il cavo “guida” da otto centimetri di diametro è stato disteso tra i due punti di partenza e arrivo della struttura, ovvero dal Belvedere di via del Carmine, a ridosso dell’omonima chiesetta, fino alla località Fevora. Tramite un grande verricello, il cavo verrà teso nell’aria e affiancato da altri cavi via via di maggiore diametro fino al più grosso di 22 centimetri. Si tratta di una pratica sportiva nuova che consiste nello scendere a notevole velocità appesi ad un carrello agganciato a una carrucola che scorre su una fune di acciaio tirata fra due punti posti ad altitudine diversa. Per realizzarlo cinque anni fa un gruppo di cittadini e imprenditori locali ha costituito la società Maxima Srl affidando la costruzione dell’opera alla società francese “Aerofun”, leader mondiale nel settore.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto