La Provincia azzera il fondo sociale per le utenze idriche

La denuncia delle associazioni di consumatori. In attesa di una svolta dal neo presidente di via Costa

acquaLATINA – La Provincia di Latina a partire dal 2006 aveva istituito un fondo per venire incontro alle difficoltà dell’utenza economicamente più debole nel pagare le bollette di Acqualatina, facendosi carico del pagamento dei primi 110 mc di acqua, in tal modo alleviando il peso economico delle famiglie meno abbienti. Anche nel 2013 la Provincia ed Acqualatina hanno fatto presentare i modelli ISEE attestanti i redditi dell’anno precedente, “per cui era del tutto legittimo  – spiegano  Villano e Bottoni, rispettivamente dell’OTUC Latina e della Consulta provinciale utenti e consumatori  – attendersi che il fondo sarebbe stato alimentato anche per il 2014: invece no. Con somma sorpresa sia dell’utenza che dell’OTUC e delle singole Associazioni dei Consumatori, che non avevano ricevuto alcuna informazione in merito, con l’approvazione dell’ultimo bilancio da parte dell’appena cessata Amministrazione Provinciale, il Fondo sociale è stato completamente svuotato, con una operazione tanto ignobile che si commenta da sola, viste le negativissime ricadute che essa ha proprio sugli utenti più poveri della provincia di Latina”.

“Questo perché – si legge nella nota dell’Otuc –  secondo quanto si è riusciti a sapere, l’Ente di Via Costa doveva restituire alcuni milioni di euro alla Regione Lazio e per reperire le risorse necessarie la Provincia ha pensato bene di reperire una parte di quei soldi sottraendoli ai più deboli ed ai più indifesi. Peraltro, a questi utenti, stanno arrivando bollette che non soltanto ricalcolano a partire da gennaio 2014 il costo dell’acqua, aggiungendovi quello del denaro non versato con effetto retroattivo dall’Amministrazione appena passata, ma vi aggiungono la maggiorazione dovuta alla recente approvazione della nuova articolazione tariffaria, approvata dalla Conferenza dei Sindaci il 7 agosto scorso. A questo punto non resta altro che auspicare che l’appena insediata Presidente Della Penna voglia riesaminare almeno la questione che riguarda il Fondo Sociale, alimentandolo con risorse adeguate (500-600 mila euro) al fine di alleviare una situazione economica già di per sé insopportabile per tantissime famiglie di questa provincia e, nel frattempo, dare disposizioni ad Acqualatina di sospendere la riscossione delle bollette per tutti quegli utenti che, avendo presentato entro il mese di ottobre dello scorso anno il modello ISEE in linea con le precedenti regole, avrebbero avuto diritto a godere del beneficio economico”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto