di Damiano Coletta

Associazioni di idee. Eventi il 9 e il 14 luglio

Incontri al Circolo Cittadino di Latina

ll circolo cittadino di Latina

ll circolo cittadino di Latina ospiterà i due eventi di Rinascita Civile

LATINA – Ogni città custodisce risorse importanti, persone che si dedicano al bene comune senza chiedere nulla in cambio, sia riunite in associazioni no profit o in gruppi spontanei, sia singolarmente, e Latina non fa eccezione.

Il problema è l’isolamento, la mancanza di coordinamento, la sensazione che ha ciascuno di essere minoritario e marginale. Ma se queste risorse si mettono in rete e collaborano ad un progetto comune, allora tutto diventa possibile.

Nasce da queste considerazioni l’evento “Associazioni di idee”, organizzato da RinascitaCivile con la collaborazione di numerose associazioni e persone attive sul territorio.

Due saranno gli incontri: il 9 e il 14 luglio dalle 17:00 alle 20:00 al Circolo Cittadino, per dare un anticipo di quanto la società civile può fare per la città.

Al primo incontro si tratteranno cinque emergenze (scuola, occupazione, servizi pubblici, bilancio, urbanistica) con interventi brevi concentrati sull’individuazione di una criticità (tra le tante) e l’elaborazione di proposte per risolverla o quanto meno mitigarla. Stesso schema per il secondo incontro, e saranno sei i temi da trattare in prospettiva: mobilità sostenibile e ambiente, servizi sociali e solidarietà, legalità e trasparenza, cultura, università e politiche giovanili, decentramento e realtà territoriali.

Il risultato di questa prima iniziativa sarà un documento che riassumerà le criticità trattate e le proposte di soluzione scaturite, da consegnare simbolicamente al Commissario Barbato, ovvero alla città. Ci scuno degli 11 temi proposti sarà oggetto di un approfondimento, una sessione dedicata, da realizzarsi dopo la pausa estiva, grazie anche al contributo che, ci si augura, possa arrivare da chi non è stato ancora coinvolto.

Un patrimonio di idee, di esperienze e di speranze da mettere a frutto, perché non ci si può rassegnare alla malamministrazione e alla mediocrità cui hanno cercato di abituarci. Dimostrare con i fatti che un altro modo di intendere la comunità è possibile: perseguire il bene comune nel rispetto della dignità di ciascuno, invece di rincorrere vantaggi personali dispensando favori a pochi “clientes”.

Sono visioni inconciliabili, non possiamo aspettarci che il lupo mantenga la promessa di diventare agnello. E allora tocca a ciascuno di noi impegnarsi per uscire da questa situazione, portando a fattor comune competenze e impegno, consapevoli che le semplificazioni e le risposte demagogiche aggravano il problema piuttosto che avviarlo a soluzione.

Rendiamoci disponibili al cambiamento: una modalità può essere prendere contatto con RinascitaCivile (info@rinascitacivile.it) o con una delle associazioni che partecipano a questo processo, ovvero con una chiacchierata a margine degli incontri del 9 e 14 luglio.

Sappiamo che si tratta di una partita al limite del possibile, ma l’unico modo certo di perderla è non giocarla.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto