commercio

Chiusura di Benetton, la titolare ai commercianti: “Lottate”

La lettera aperta di Daniela Claretti e delle figlie per salutare e ringraziare

Shares

BenettonLATINA – “Ieri 30 agosto la nostra attività ha chiuso i battenti, è arrivato il momento dei saluti e dei ringraziamenti”, comincia così la lettera aperta di Daniela Claretti, la titolare di Benetton e delle figlie Simona e Chiara che già giovanissime l’hanno affiancata nell’avventura di vita e di lavoro che è stata portare il franchising di Benetton a Latina, 35 anni fa. L’imprenditrice battagliera e con pochi peli sulla lingua, si rivolge anche ai commercianti per invitarli a lottare per i propri diritti, convinta che un colpo decisivo alla sua attività sia arrivato dalla politica sorda alle esigenze della categoria: “hanno portato il centro alla morte”, dice. I colleghi rispondono annunciando la serrata per martedì mattina contro la Ztl.

IL TESTO DELLA LETTERA

GRAZIE ai cittadini di Latina, che con amore e attenzione ci hanno supportato nei 35 anni di questa magnifica avventura.

GRAZIE al nostro splendido staff, alle nostre ragazze con le quali abbiamo condiviso lavoro ed esperienze di vita irripetibili.

GRAZIE a Latina, città vituperata e sfregiata che però amiamo di quell’amore irrazionale che è proprio dei sentimenti forti e unici.

Siamo pronte a lanciarci in altre nuove avventure, l’entusiasmo è quello di sempre, ma le nuove esperienze ci vedranno attrici su altri palcoscenici, lontani da queste amministrazioni senza cuore e senza testa che hanno messo in atto politiche fallimentari, sebbene va ammesso che la congiuntura economica globale è comunque sfavorevole. Errare è umano ma perseverare è diabolico, sarebbe bastato ammettere gli errori e porvi rimedio prima di portare il centro storico alla morte.

Per questo il nostro ultimo pensiero è per gli amici e colleghi titolari delle attività nel centro: LOTTATE! Lottate per non farvi strappare via le fatiche di generazioni, lottate per non essere cacciati da casa vostra, lottate per i vostri dipendenti che in questi momenti difficili meritano serenità e sicurezze.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto