cambio alla guida dei carabinieri

Il colonnello Eduardo Calvi: “Vicini al cittadino e disponibili all’ascolto”

Il neo comandante provinciale dell'Arma si presenta: "Onorato di essere qui"

CALVILATINA  –  Si è insediato in questi giorni a Latina il nuovo comandante provinciale dei carabinieri. Il colonnello Eduardo Calvi, succede al collega  di corso, Giovanni De Chiara trasferito a Roma presso il Comando Generale dell’Arma.

“La mia priorità è la vicinanza al cittadino e la sicurezza sociale”, ha dichiarato presentandosi oggi alla stampa. Un obiettivo centrato a Napoli, dove è stato di recente Comandante del Gruppo Carabinieri: “Orgoglioso di poter dire che, anche grazie alla collaborazione delle altre forze dell’ordine sul territorio, siamo riusciti a restituire i parchi di Scampia ai bambini. Li abbiamo visti tornare a giocare in strade che prima erano occupate da spacciatori e acquirenti”.

Calvi si dedicherà ora ad un lavoro approfondito e capillare di conoscenza del territorio: “Cercherò di girare il più possibile per acquisire le informazioni necessarie a lavorare bene. So che questa è una provincia complessa, non facile, ma sono certo che sapremo far fronte alle emergenze che si presenteranno”.

Uno sguardo particolare è riservato ai ragazzi “per me – dice, annunciando l’intenzione di confrontarsi con il dirigente dell’ufficio scolastico territoriale  –  i giovani sono una priorità”. Incontri nelle scuole, maggiore visibilità anche fuori dagli istituti (oltre ai controlli all’interno) nel programma  del neo comandante provinciale: “Sono onorato di essere arrivato in questa bellissima provincia e felice della bella accoglienza” ha dichiarato.

CHI E’: Sposato, padre di tre figli, il colonnello Eduardo Calvi si è formato giovanissimo alla Nunziatella di Napoli, poi all’Accademia di Modena e presso la Scuola di applicazione di Roma;  esperto di scienze strategiche, nella sua carriera  ha ricoperto vari ruoli a Roma, poi ha lavorato a lungo al Comando Generale e diretto il Gruppo Carabinieri di Napoli. ASCOLTA

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto