pallavolo

Sottile festeggia l’argento con Falivene

Conferenza stampa dell'olimpionico e del presidente della Top Volley

sottile-medagliaLATINA –  Daniele Sottile festeggia la sua medaglia olimpica, l’argento di Rio 2016. Il pallavolista in forze al Latina questa mattina ha tenuto nella Sala Verde del Park Hotel di Latina una conferenza stampa accompagnato dal presidente Gianrio Falivene, anche in vista dell’incontro in programma  domani ( sabato 10) alle 20 tra  la Top Volley e la  Tonno Callipo Vibo Valentia nel Trofeo di Avellino.

“Da Rio, oltre questa medaglia, ho portato tante cose – spiega il palleggiatore –  È una competizione che, per uno sportivo, è il massimo sia per l’atmosfera che respiri, che per le sensazioni che provi. Se poi si riesce ad arrivare fino alla fine e prendere una medaglia… è il massimo. Ti da delle emozioni e delle tensioni che è difficile ripetere. Non tanto per la gara in se, una semifinale playoff o una finale di Coppa europea provi le stesse, ma per la durata dell’evento e la molteplicità delle sensazioni. Pranzare con oltre cinquemila campioni, con tute e colori delle proprie nazioni, stare a contatto con Djokovic, Nadal, i campioni dell’Nba e Bolt è una emozione difficile da raccontare. Questa medaglie è un onore a questo sport, deve portare qualche cosa di più, deve essere il traino per tutto il movimento”.

Giocatore e presidente hanno anche voglia di parlare della squadra: “Il protagonista di questa mattinata è Daniele – dice Falivene –  Rispetto allo spirito di questa squadra concordo con le affermazioni fatte. Ho visto già dai primi allenamenti tutti i ragazzi molto motivati, la speranza è quella di continuare a divertirci”.

Per Sottile, l’impatto con il neo allenatore Nacci è stato positivo: “Abbiamo iniziato a lavorare, avevo bisogno di una piccola vacanza con la mia famiglia, ma da lunedì sono ripartito con il massimo dell’impegno. Ho delle sensazioni! Sarà un campionato durissimo, il livello si è innalzato, ci sarà da lottare ogni domenica, ma questo non ci fa paura. Dobbiamo creare la mentalità di lottare con tutti, creare quell’entusiasmo che rende la partita difficile alle avversarie. È un campionato molto competitivo, non ci sono squadre ‘facili’. Il gruppo è ben composto, con quattro schiacciatori di livello internazionale, oltre ad atleti talentuosi che fremono. L’impatto con Nacci è positivo, c’eravamo conosciuti in Giappone alla Coppa del Mondo lo scorso anno, proseguiamo a lavorare.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto