turismo slow

Da Velletri a Terracina, da Formia a Minturno in bici e a piedi lungo la ferrovia dismessa

Rete Ferroviaria Italiana pubblica l'Atlante e mette in vendita le due tratte non più utilizzate. Invito a comuni e associazioni

casa-cantoniera-a-cassano

LATINA – L’Atlante delle linee ferroviarie dismesse realizzato da RFI è un vero assist ai comuni pontini che potrebbero ora, in collaborazione tra loro, realizzare su un tracciato già esistente, chilometri di piste ciclabili con punti ristoro.  L’elenco delle 120 tratte non più percorse dai treni include infatti la Velletri-Cisterna-Fossanova-Terracina e la Minturno-Formia che da questo momento sono ufficialmente in vendita.

L’obiettivo del volume che illustra il valore culturale, storico, architettonico e paesaggistico di linee e fabbricati non più utilizzati per l’esercizio ferroviario, è  infatti proprio quello di sollecitare amministrazioni pubbliche e associazioni interessate a individuare possibili forme di riuso e riconversione, sia in chiave turistica e sia per una mobilità ecosostenibile, creando attività e iniziative dedicate al territorio e ai cittadini.

Le Greenways – ha sottolineato la presidente di Rete Ferroviaria Italiana Claudia Cattani, – sono l’occasione per riqualificare le linee ferroviarie non più in esercizio e per sviluppare un turismo ecosostenibile, mettendo a disposizione degli Enti locali e delle associazioni a vario titolo sedimi ferroviari per la mobilità dolce e le attività turistiche. Le stazioni dismesse potranno essere cedute sia per iniziative imprenditoriali che valorizzino il territorio, come ostelli, officine per manutenzione biciclette, punti vendita di prodotti tipici locali, sia per le attività di Enti locali o di Associazioni no profit, quali ad esempio uffici di servizi ai cittadini o piccoli musei delle tradizioni territoriali. Importanti esempi di come le linee dismesse – ha concluso Cattani – possano essere riutilizzate sono già presenti sul territorio italiano grazie al lavoro sinergico di RFI, Enti locali e Ministeri competenti”.

Il volume è stato presentato nel corsod ella  20esima edizione di Ecomondo, la fiera internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile (Rimini Fiera, 8-11 novembre 2016).

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto