a latina

La toponomastica ricorderà Mattia Pompili e Alessandro Mammucari. Via libera anche a Largo Impastato e Passeggiata Pertini.

I consiglio comunale approva all'unanimità le nuove intitolazioni. Soddisfazione dell'Anpi che donerà un busto in bronzo del Presidente della Repubblica

Shares

LATINA – Gianni Rinaldi è il nuovo consigliere comunale di Latina Bene Comune dopo le dimissioni di Eugenio Lendaro. Il suo ingresso in assise è stato salutato questa mattina con voto unanime e con un applauso che ha anche sciolto il gelo dopo il momento di raccoglimento osservato dall’assise cittadina in ricordo del pilota del’Aeronautica Militare Gabriele Orlandi tragicamente scomparso ieri a Terracina dove si esibiva nel corso dell’Air Show ai comandi di un caccia militare.

LA TOPONOMASTICA – Poi, abbandonate le polemiche recenti sull”intitolazione dei Giardinetti pubblici ai giudici Falcone e Borsellino, finalmente tutti d’accordo sulla nuova toponomastica. Due personalità di rilievo nazionale e due personaggi la cui storia è legata alla città sono i nomi prescelti.

E’ arrivata l’approvazione all’unanimità per Largo Peppino Impastato ex autolinee in Via Pio VI; e per la passeggiata Sandro Pertini nei Giardini di Via Don Morosini dove sarà installato un busto dell’artista Natasha Bozarova donato dall’Anpi che si era fatto promotore già 5 anni fa della raccolta di firme. L’iter si era interrotto per la fine anticipata della legislatura. “Una bella pagina di storia locale questo voto unanime  – è il commento di Giancarlo Luciani che sottolinea la valenza culturale e di memoria storica dell’intitolazione. “Non è un caso aver scelto i Giardini di Via Don Morosini – spiega Luciani – Pertini fu infatti l’ultimo a vedere vivo Don Morosini che prima di essere fucilati era stato torturato dal regime  mentre entrambi erano prigionieri a Regina Coeli”.

POMPILI E MAMMUCARI – A due personaggi del territorio, il medico Mattia Pompili  e il giovane attivista cattolico Alessandro Mammucari sono state intitolati lo slargo tra Via Garibaldi e Via Pio VI e la rotatoria di Via Polusca.

Il primo, professore universitario di Patologia Chirurgica e Propedeutica Clinica presso l’Università di Roma “La Sapienza”, scomparso da oltre 40 anni, fu pioniere della chirurgia a Latina. I suoi figli Eleonora e Luigi, entrambi medici, ne hanno seguito le orme.

Il secondo, scomparso giovanissimo nel 1990, appartenente al movimento dei Focolarini è ricordato per la sua attività in favore dei poveri e dei profughi e considerato un esempio per la collettività.

 

 

3 Commenti

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto