il salone del gusto

Al Terra Madre di Torino il Birrificio Pontino con il luppolo idroponico e la birra di Bellone

Il Lazio si presenta con 52 aziende. Ci sono anche gli studenti del Biocampus

LATINA – Anche il Birrificio Pontino sarà presente a  Terra Madre Salone del Gusto 2018, che si terrà a Torino dal 20 al 24 settembre e dove il Lazio sarà tra i protagonisti  con uno spazio espositivo per le 52 aziende partecipanti e uno stand istituzionale di 200 mq (padiglione 3, spazi B 001- 3C001) preso il quale si svolgeranno eventi e degustazioni. “Uno spazio, quello del Lazio – spiegano dalla Regione  – dedicato all’innovazione sostenibile” sotto il titolo “Vieni nel Lazio, fai felici i tuoi sensi”, ovvero guarda, tocca, gusta e ascolta per scoprire il Lazio. Coinvolti gli studenti della a Fondazione Biocampus di Latina.

LE NOVITA’ – Il Birrificio Pontino, birrificio artigianale con sede a Latina e attivo dal 2011, sarà uno tra i 45 produttori di birra “slow” provenienti da tutta Italia, selezionato tra i laboratori recensiti nella Guida alle birre 2019 (Slow Food Editore). “Essere selezionati da Slow Food ci gratifica del lavoro svolto in questi anni e ci spinge a continuare a lavorare in un territorio non sempre attento alle capacità di sviluppo di piccole realtà imprenditoriali come la nostra – dice Egidio Palumbo, amministratore unico del Pontino. A Torino, grazie anche al progetto Agrifood Camp lanciato da BIC Lazio, di cui il Pontino è stato uno dei sostenitori, sarà presentato il primo esempio di luppolo idroponico coltivato in Italia dall’azienda agricola di Fondi ‘Idroluppolo – ’, di Alessio Saccoccio. “Sicuramente realizzeremo una birra con il luppolo idroponico, ma al momento non è la sola novità o collaborazione a cui stiamo lavorando”, spiega Boni invitando gli appassionati nell’area esterna del Lingotto (padiglione 2, stand 5C).

“A breve potrete conoscere e sorseggiare una birra nata in collaborazione con Paolo Carpineti — dell’azienda vinicola Marco Carpineti — brassata con mosto di vitigno Bellone e mosto di birra in egual misura”. Una particolarità tutta italiana che ha già trovato seguito anche all’estero.

GLI APPUNTAMENTI ALLO STAND DEL LAZIO  – Molte le tematiche che verranno trattate, durante il Salone del Gusto, nell’area istituzionale. Si parte giovedì 20 con due focus, alle 12 e alle 15, su “L’innovazione nei prodotti alimentari”, dedicati ai cibi e ai servizi innovativi nelle esperienze delle imprese del Lazio in collaborazione con Lazio Innova – Food Innovation HUB Spazio Attivo Bracciano e con la partecipazione della chef stellata Iside de Cesare. Quest’anno Terra Madre Salone del Gusto riserva una grande opportunità agli espositori italiani e internazionali e ai buyers.

Giovedì 20 settembre e venerdì 21 settembre si terrà “Food for Change”: un brokerage event internazionale organizzato dalla Camera di Commercio di Torino e Slow Food in collaborazione con Lazio Innova nell’ambito della rete Enterprise Europe Network. Il 20 settembre è previsto un B2B tecnologico aperto a imprese, università e centri di ricerca; il 21 un B2B commerciale con buyers internazionali e agenti di commercio, riservato agli espositori dell’evento.

Venerdì 21 alle 12, si parlerà di “Cibo al femminile: le protagoniste della nuova produzione e del turismo del cibo per una nuova offerta del Lazio”, con gli Assessori all’Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali, Enrica Onorati, al Turismo e Pari Opportunità, Lorenza Bonaccorsi, allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Start-Up, “Lazio Creativo” e Innovazione, Gian Paolo Manzella, il Presidente di ARSIAL, Antonio Rosati, e le imprenditrici laziali presenti in fiera.

Sabato 22, alle 15, l’Assessore Onorati e il Presidente dell’Arsial Antonio Rosati parleranno di “Cultura del Cibo”, con particolare riferimento all’educazione alimentare e al tema della nutraceutica.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto