i dati di ance latina

Opere pubbliche, in provincia di Latina taglio record degli investimenti

Meno 270 milioni in 10 anni. Nuovo appello per Roma-Latina e Bretella

LATINA – Un codice degli appalti che consenta alle imprese e alle amministrazioni pubbliche di lavorare serenamente con regole certe che siano di supporto ed elemento di garanzia e non ostativo per gli operatori del mondo economico e i dirigenti degli enti pubblici. Si è parlato di questo ieri pomeriggio nel corso del convegno organizzato da Ance Latina proprio sulla materia relativa al codice degli appalti e alle novità che il Governo ha introdotto, o si appresta probabilmente ad introdurre alle luce del confronto in atto dal mese di agosto, nel tentativo di rilanciare gli investimenti.

Ma il coordinato dal presidente di Ance Latina Pierantonio Palluzzi, è servito anche a fare il punto sulla situazione economica che il territorio pontino sta vivendo da dieci anni a questa parte. Un dato su tutti: ammonta a 271 milioni di euro il gap degli investimenti delle sole amministrazioni comunali in provincia di Latina nel periodo che va dal 2008 al 2018. “Questo numero – ha affermato il presidente di Ance Latina, Pierantonio Palluzzi – non va interpretato perché ha portato a delle conseguenze chiarissime. Negli ultimi dieci anni, questo taglio degli investimenti da parte delle amministrazioni pubbliche che muovono la loro attività esclusivamente intorno alla spesa corrente per carenza di risorse, ha portato alla chiusura di mille imprese e al dimezzamento degli iscritti alla cassa edile con conseguenze drammatiche per l’intero settore: siamo passati da oltre 10mila ai circa 6mila attuali. Non servono forse altri commenti per dire che c’è bisogno di un intervento immediato e di garantire, a questo territorio, una crescita concreta, reale, non più rinviabile”.

All’Hotel Europa di Latina è arrivato un nuovo appello a realizzare la Roma – Latina e la bretella Cisterna-Valmontone: “E’ l’unico mezzo attraverso il quale si può scrivere una nuova pagina per questo territorio. Una pagina di sviluppo che porta con sé, per i soli cantieri, 40mila posti di lavoro e 13mila ad opera conclusa”, dice Palluzzi.

A portare il loro contributo, tra gli altri, i presidenti degli ordini professionali di architetti, ingegneri, avvocati, geometri e periti industriali che hanno patrocinato l’iniziativa e, dopo l’indirizzo di saluto del presidente di Unindustria Latina Giorgio Klinger, i tecnici di Ance Nazionale e di Unindustria, Romain Bocognani, Francesca Ottavi, Marco Galluzzo oltre all’avvocato amministrativista Toni De Simone.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto