la scelta

Commodo, il Comune di Latina: “Saremo parte civile”

La vicesindaco Briganti comunica alla Procura la sua volontà in caso di processo

LATINA – Il Comune di Latina si costituirà parte civile nel processo Commodo, se come sembra assolutamente scontato, l’inchiesta recente, che ha fatto luce sul sistema di coperture esistenti in provincia di Latina per lo sfruttamento dei braccianti agricoli, dovesse approdare in un’aula di tribunale.

Lo ha ufficializzato la vice sindaco e assessore alla Legalità Paola Briganti, comunicando l’intenzione formalmente alla Procura della Repubblica di Latina.

In caso di azione penale, dunque, l’amministrazione comunale di Latina sarà informata nei modi previsti dalla legge, dagli uffici di Via Ezio, per consentire la costituzione di pare civile dell’Ente, nei termini di legge. “Un segnale evidente, anche se ci troviamo ancora in una fase di indagine, che questa Amministrazione non ha alcuna intenzione di voltare lo sguardo dall’altro lato di fronte alla piaga del caporalato”, afferma in una nota l’Ente che aveva già in un precedente caso espresso analogo intendimento.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto