la classifica

Governance Poll, aumenta l’indice di gradimento di Zingaretti

Il Governatore del Lazio raccoglie 6 punti in più rispetto al momento della rielezione

LATINA – Sale l’indice di gradimento del Governatore del Lazio Nicola Zingaretti che comunque resta escluso dal podio dei Presidenti di Regione, tutto occupato da amministratori del Centro Destra. Lo dice la nuova edizione del Governance Poll realizzato da Noto Sondaggi in esclusiva per Il Sole 24 Ore e pubblicato nell’edizione di oggi del quotidiano economico.

La classifica vede in testa Luca Zaia con il 62% dei consensi (seguito dal governatore del Friuli Massimiliano Fedriga, con il 51,1%; terzo classificato Attilio Fontana della Lombardia), ma il presidente della Regione Lazio pur essendo solo in 9° posizione (su 16), è tra i tre che hanno aumentato  il loro consenso rispetto al giorno delle elezioni in compagnia dello stesso  Zaia e  del governatore della Liguria Toti (mentre per due la situazione è identica, e i rimanenti 11 sono in discesa).

Il neo-segretario del PD, favorito anche dall’effetto-popolarità delle primarie, raccoglie in particolare il 38,8%, quasi tre punti in più dello scorso Governance Poll e quasi sei oltre il 32,9% che gli aveva garantito la rielezione come governatore del Lazio lo scorso anno.

IL SONDAGGIO – Il sondaggio misura e mette a confronto l’attuale livello di gradimento di 16 presidenti di regione (4 esclusi: Piemonte perché va al voto il 26 maggio; Basilicata perché il governatore è stato appena eletto; Valle D’Aosta e Trentino A.A. perché in queste due ultime regioni non è prevista l’elezione diretta del Presidente). Per ogni Regione sono stati interpellati mille elettori, sottoponendo loro questa domanda: “Le chiedo un giudizio complessivo sull’operato del Presidente della Regione. Se domani ci fossero le elezioni regionali, lei voterebbe a favore o contro l’attuale Presidente della Regione?”. L’indice di gradimento così ottenuto è stato, poi, posto a confronto con il livello di gradimento del giorno di elezione in modo da proporre per ciascun governatore l’indicazione di tendenza in aumento o in diminuzione.

 

1 Commento

1 Commento

  1. Roby

    8 Aprile 2019 alle 15:25

    E appena riccioli d’argento deciderà di scendere in campo non ci sarà più trippa per gatti, altro che Ingaretti, Fontana e Zaia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto