prime prestazioni

Risonanza magnetica attiva al Dono Svizzero di Formia

Pd: "Una buona notizia per la sanità comprensoriale"

FORMIA – Non è stata certo una passeggiata, ma alla fine il Dono Svizzero di Formia ha la sua risonanza magnetica. La notizia, annunciata come imminente dal direttore generale della Asl di Latina Giorgio Casati, nei giorni scorsi,  è stata confermata sul campo, dalle prime prestazioni eseguite mercoledì presso il nosocomio. Casati nell’occasione della presentazione dei “Dialoghi sulla sanità pontina” – terza edizione del programma annuale di seminari di formazione rivolti a operatori della comunicazione e sanitari  – aveva rimarcato che “con tutti i limiti e le carenze dovuti al lungo commissariamento, la sanità pontina sta cercando di risolvere i suoi problemi” e aveva indicato l’attivazione della risonanza magnetica a Formia come un primissimo traguardo.

“Siamo felici del fatto che finalmente, dopo tanto tempo, possa partire un servizio così importante presso il DEA di Formia – commenta il Pd locale – Un servizio che, a quanto si apprende dall’azienda sanitaria, andrà a pieno regime a partire da marzo. Dobbiamo dirci con franchezza che questo è solo un primo passo. È stata una stagione complessa, in cui molti servizi sono stati penalizzati e fortemente ridimensionati. Pertanto, ci aspettiamo che da ora in avanti, con una gestione oculata, si apra la fase degli investimenti. Bene la risonanza, cui deve però seguire un ampliamento dei servizi e del personale, in particolare nei settori più delicati. Uno su tutti? L’emodinamica, che deve arrivare ad essere operativa h24 nel minor tempo possibile”.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto