le aspettative

Indagine Cna, una piccola impresa su quattro si ritiene a rischio chiusura nel 2021

Antonello Testa: "Serve che a tutti i livelli le istituzioni sostengano programmi d'investimento oltre che di assistenza

LATINA – La maggior parte delle piccole e medie imprese si ritiene a rischio di chiusura nel 2021 perché non considera possibile una ripresa veloce. Lo evidenza l’indagine “Pensare a un futuro senza Covid. Le aspettative delle imprese per il 2021” svolta da Cna, la confederazione dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa, che ha coinvolto anche l’associazione di Latina.

“Serve che a tutti i livelli le istituzioni sostengano programmi d’investimento oltre che di assistenza. Fondamentale il rapporto con gli istituti di credito per l’erogazione di nuovi prestiti per la ristrutturazione della liquidità”, commenta il direttore di CNA Latina, Antonello Testa, evidenziando quanto emerso dall’indagine ovvero che “una piccola impresa su quattro teme di chiudere se l’attuale stato di difficoltà dovesse protrarsi nei mesi a venire. Il 74,1% delle imprese coinvolte nell’indagine immagina che la caduta del prodotto interno lordo tricolore registrata nel 2020 possa essere recuperata solo parzialmente nel 2021. Il 23,1%, invece, è ottimista e crede che sia in grado di riconquistare rapidamente i livelli pre-Covid. I settori a più accentuato timore di chiusura sono il turismo (43,5% del totale), il trasporto (33,3%) e i servizi per la persona (31,7%), comparti dove tre quarti e più delle imprese hanno subito danni economici gravissimi”.

Per quanto riguarda le azioni attese sempre dall’indagine emerge che quattro imprese su cinque (il 78,7%, a essere precisi) ritengono che il governo debba garantire un adeguato sostegno alle imprese, una sorta di grido di dolore che supera il 90% nei servizi per le persone e sfiora tale quota nel turismo. Le altre priorità indicate da almeno una impresa su tre  sono gli investimenti in ricerca e istruzione, un massiccio piano di infrastrutturazione materiale e immateriale, il sostegno al reddito dei lavoratori.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto