appuntamenti

Presentazione del libro Storia d’Italia del calcio e della Nazionale al Giulio Cesare di Sabaudia

In esclusiva sarà esposta la Coppa del Mondo

SABAUDIA – I primi due volumi di “Storia d’Italia del calcio e della Nazionale. Uomini, fatti, aneddoti”, arrivano presso l’Istituto Omnicomprensivo “Giulio Cesare” di Sabaudia. La presentazione si terrà nei locali della Palestra Comunale domani 25 settembre alle ore 10:00. Oltre all’autore Mauro Grimaldi interverranno anche Alessio Sartori, Vicesindaco con delega allo sport, Gianluca Bonetti, presidente del Consiglio comunale, la Dirigente scolastica Miriana Zannella e il direttore editoriale della casa editrice Lab DFG Giovanni Di Giorgi. Modera l’incontro il giornalista Fabio Benvenuti. In esclusiva sarà esposta la Coppa del Mondo.

I primi due volumi di Storia d’Italia del calcio e della Nazionale. Uomini, fatti, aneddoti (1850-1949) coprono un lungo arco di tempo che va dal 1850, dove la nascita vera e propria dello sport più seguito al mondo si intreccia con le vicende dell’Unità d’Italia, fino al 1998. Il calcio è un punto di riferimento nell’immaginario collettivo per la sua enorme capacità di penetrazione nel sociale, nel mondo del lavoro e della comunicazione. Non è uno sport come gli altri ma un collettore di interessi, che incide fortemente anche sulla sfera economica del nostro Paese. La maglia azzurra della Nazionale è una delle icone più rappresentative di questo fenomeno. Chi non ricorda la corsa sul campo del Bernabeu di Marco Tardelli nella finale mondiale del 1982? Chi non ricorda Fabio Cannavaro che solleva verso il cielo la coppa del mondo nel 2006? È una storia infinita che va avanti da oltre un secolo e che anche in Italia ha emozionato milioni di persone; come l’addio di Francesco Totti alla Roma che è stato uno degli eventi più sentiti degli ultimi anni, complice anche la cassa di risonanza dei social media. In questi volumi Mauro Grimaldi scava a fondo nella storia del calcio, avvalendosi non solo delle proprie conoscenze professionali ma attingendo anche a materiali d’archivio organizzati per la prima volta in modo organico.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto