VIOLENTATA DAL PAPA’
L’uomo resta in carcere

L'ingresso del penitenziario di Latina

L’ingresso del carcere di Via Aspromonte a Latina

LATINA – Resta in carcere l’operaio di 38 anni di Latina arrestato con l’accusa di violenza sessuale aggravata e continuata sulla figlia quindicenne. Una storia terribile emersa al pronto soccorso dell’ospedale dove la ragazzina ha raccontato tutto del papà che la portava in auto, in un parcheggio non distante da casa, per abusare di lei.

Il legale dell’uomo, dopo la confessione piena da parte dei suo assistito,  aveva chiesto gli arresti domiciliari, ma il gip Costantino de Robbio ha negato la misura meno afflittiva.  Nel corso dell’interrogatorio di garanzia che si è svolto nel cercere di Latina, l’uomo aveva ammesso tutto confermando il racconto della minorenne che ora ha bisogno costante di assistenza psicologica.

L’inchiesta  è stata coordinata dal sostituto procuratore Gregorio Capasso.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto