BOLLETTE TIA
Rischio “buco” economico
Pd chiede verifica

Shares
Giorgio De Marchis

Giorgio De Marchis

LATINA – È stata furibonda in questi mesi la polemica tra la maggioranza del Comune di Latina, o meglio da una parte della maggioranza, e il socio privato della Latina ambiente in merito alla percentuale degli incassi sulle fatture emesse per la Tia dal 2006 al 2009 e all’attività di accertamento che la società partecipata per il comune di Latina ha svolto per le stese annualità.

«È emerso un dato che molti definiscono preoccupante – afferma il capogruppo del Partito democratico Giorgio De Marchis – dovuto a una percentuale non incassata molto elevata che non si sarebbe ridotta a seguito dell’attività di accertamento. Questo avrebbe determinato in larga misura il famoso buco di bilancio di 18 milioni di euro.

Tuttavia nessuno fino a oggi ha comunicato al consiglio comunale i dati relativi alla gestione delle entrate Tia dal momento della ripresa in carico da parte del Comune, ovvero per la gestione dell’annualità 2010».

Una mancanza non da poco visto che come è noto eventuali conguagli negativi della Tia dovranno essere saldati dagli utenti nei Piani economici finanziari (Pef) degli anni successivi.

«Le indiscrezioni che ci giungono da nostre richieste preso gli uffici comunali – sostiene il capogruppo – lasciano chiaramente intendere che la percentuale di incassato per il 2010 si aggirerebbe tra il 60 e il 70%, in linea quindi con quanto succedeva con la Latina ambiente negli anni precedenti.

A fronte di questo l’attività di accertamento, che ha fatto emergere diverse situazioni, non ha, anche in questa circostanza, consentito il recupero sulle mancate entrate.

Il problema centrale non risiede tanto nell’attività di fatturazione e di accertamento, dunque, quanto nella esosità della Tia imposta dal Comune di Latina, che è una delle dieci più alte in Italia che non riesce a essere pagata dai cittadini generando un buco abnorme».

Come ha dichiarato il dirigente del settore ambiente in una commissione bilancio a fine luglio, il Pef di questo anno si aggira intorno a 24 milioni di euro, il più alto da quando è stata introdotta la Tia, al quale andranno aggiunti i trenta centesimi per metro quadro previsti dalla Tares.

«Una vera e propria stangata senza precedenti nei confronti dei cittadini – conclude il capogruppo Giorgio De Marchis -. Queste situazioni ci preoccupano e chiediamo all’amministrazione la stessa chiarezza e la stessa trasparenza che la maggioranza ha “preteso” dalla Latina ambiente. Chiederemo che in commissione bilancio e in consiglio comunale che l’assessore relazioni ufficialmente sulla percentuale di incassato sulla fatturazione 2010 e sull’andamento degli incassi sulla fatturazione 2011 attualmente in corso. Abbiamo il fondato sospetto che tra qualche anno proseguendo in questa direzione, il buco che si genererà sulle casse di Latina sarà ancora più profondo di quello generato nel bilancio della Latina ambiente».

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto