Spari in via dei Mille, gambizzato il titolare di una tabaccheria. Malviventi in fuga su uno scooter

Latina. Al vaglio i filmati delle telecamere. La vittima, Marco Urbani di 48 anni, è fuori pericolo

Shares

[flagallery gid=240]

LATINA –  E’ fuori pericolo ed è ricoverato in ospedale al Goretti Marco Urbani, il tabaccaio di 48 anni, gambizzato oggi pomeriggio da uno sconosciuto nel suo negozio di Latina in pieno centro, all’angolo tra via dei Mille e viale Vittorio Veneto. Le indagini sono affidate agli agenti della Squadra Mobile di Latina che sta ascoltando una donna che era all’interno della tabaccheria e che ha soccorso Urbani, ferito alla gamba sinistra da un colpo di arma da fuoco. L’autore della gambizzazione ha fatto perdere le tracce in direzione di piazza del Quadrato in sella ad un maxiscooter. La polizia scientifica ha eseguito un accurato sopralluogo all’interno della tabaccheria dove è avvenuto il ferimento. Urbani che non ha alcun precedente penale  non ha mai perso conoscenza. Ignoti i motivi degli spari, tutte le ipotesi sono al vaglio della Squadra Mobile che indaga ad ampio raggio.

LATINA – Sparatoria in via dei Mille nel primo pomeriggio, intorno alle 16, a Latina. Ferito un commerciante del capoluogo, Marco Urbani di 48 anni. Secondo le prime informazioni, in due sono entrati nella tabaccheria tra via dei Mille e viale Vittorio Veneto e senza dire una parola hanno sparato due colpi di pistola contro il titolare: il primo andato a vuoto mentre il secondo ha colpito la vittima a una gamba. Il commerciante è stato trasportato in ambulanza all’ospedale Goretti, le sue condizioni sono delicate, ma è fuori pericolo. Al momento l’area è stata transennata, sul posto i carabinieri, la Polizia Scientifica, il questore De Matteis ha effettuato un sopralluogo insieme al capo della Squadra Mobile, Tommaso Niglio. I tecnici stanno verificando i filmati delle due telecamere di sorveglianza che dovrebbero aver ripreso i malviventi, visto che si trovano sia su via dei Mille che su viale Vittorio Veneto. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, il titolare della tabaccheria si trovava al bancone della ricevitoria del Lotto, alla scena avrebbe assistito anche una donna, nel locale al momento della sparatoria. Al momento non si esclude alcuna ipotesi, anche se la vittima avrebbe riferito di non aver mai ricevuto richieste estorsive. Per questo la pista privilegiata dagli investigatori è orientata verso questioni di tipo privato.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto