Uso del defibrillatore: corsi per le società sportive

posizione elettrodiLATINA – La Fondazione Vacilotto onlus sotto l’egida della Top Volley Latina e con il supporto del Panathlon Latina e dell’ Ass. “Una mano per…” organizza un corso di addestramento alle manovre di rianimazione ed all’uso del defibrillatore (BLSD). Il corso sarà coordinato dal dottor Damiano Coletta socio della Fondazione Vacilotto nonché consulente cardiologo della Top Volley. L’iniziativa nasce dalla necessità di dare continuità al programma di diffusione della cultura dell’emergenza, già iniziato nel 2013.

Gran parte delle società sportive del nostro comprensorio si sono ormai dotate di defibrillatori semiautomatici. Diventa quindi necessaria la possibilità di effettuare un corso formativo di addestramento all’uso del defibrillatore, riservato ai cosiddetti “addetti al campo”. Va ricordato che ogni minuto di ritardo nel prestare i soccorsi ad una persona vittima di un arresto cardiaco determina una riduzione del 10 percento delle possibilità di sopravvivenza.
Per questo sarebbe opportuno prevedere, negli impianti sportivi, la figura di un addetto al campo (il fisioterapista o il magazziniere o un dirigente) che abbia svolto un corso per le manovre di rianimazione con uso del defibrillatore in caso di arresto cardiaco. In questa maniera verrebbe garantita una maggiore sicurezza sanitaria su tutti i campi sportivi.
Il corso è limitato a 20 persone e riservato al personale addetto al campo delle società sportive che ne faranno richiesta. Inizialmente saranno accettati al massimo 2 nominativi per società. E’ previsto un piccolo contributo economico, da parte di ogni partecipante, il cui importo sarà comunicato al momento dell’iscrizione.

Il primo corso sarà effettuato nei locali del Palazzetto dello Sport in via dei Mille, lunedì 29 settembre 2014 dalle ore 14.30 alle ore 19.30. Per prenotazioni telefonare alla segreteria della Top Volley 0773 416170.

Damiano Coletta: “Questa iniziativa vuole riempire una falla che si è aperta nel processo della cultura dell’emergenza, cioè la formazione. La nuova normativa vuole che le società calcistiche e molte di altri sport, si devono dotate di defibrillatore. Non ci sono sufficienti corsi formativi fatti dalle istituzioni. Quindi l’idea di aiutare questo processo, con la fondazione Vacillotto, la Top Volley, il Panathlon e l’associazione “una mano per”, abbiamo pensato di istituire dei corsi in modo che un personale formato possa utilizzare il defibrillatore e salvare vite umane. Sono previsti quattro corsi in tutta la provincia in modo da coprire un numero più altro di società sportive”.

1 Commento

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto