turismo

Regione: stanziati 22 milioni per il Piano Turistico triennale 2015-17

Nel piano anche sostegno alle startup e incentivi alle reti di imprese

Shares

regione-palazzoLATINA -E’ stato approvato ieri sera dal Consiglio regionale, il piano turistico triennale, uno strumento che definisce una programmazione strategica per i prossimi anni individuando cinque settori di intervento, e stanzia circa 22 milioni di euro per progetti legati proprio alle politiche di sviluppo delle imprese turistiche del Lazio.

“La provincia di Latina – afferma il consigliere regionale del Pd Enrico Forte – ha davvero tutte le carte in regola, con le sue risorse ambientali, storico-archeologiche e enogastronomiche, per diventare un polo turistico altamente attrattivo. Si tratta dunque di cogliere appieno le possibilità offerte”.

Agricoltura ed enogastronomia, turismo olistico (cammini, sport, salute, natura protetta), corsi e laboratori di “Italian Style” (capacità di far apprendere mestieri e culture), turismo congressuale e d’affari, servizi personalizzati e di gamma alta: sono questi i settori che il Piano 2015-2017 punta a far decollare, “il tutto in un’ottica completamente diversa rispetto al passato – spiega Forte – perché la logica che caratterizza la nuova politica regionale è il decollo del turismo in un sistema complessivo e non più pensato per i singoli territori del Lazio. Abbiamo introdotto un nuovo metodo di intervento e di lavoro finalizzato ad attuare politiche di sostegno alle imprese e di supporto dei territori per un marketing integrato. Il Piano definisce quindi gli obiettivi per il prossimo triennio e rimanda ai piani annuali l’incarico di tracciare in maniera più dettagliata gli interventi da attuare, le coperture finanziarie e le modalità di utilizzo delle risorse. Si tratta dunque di cogliere appieno le possibilità offerte attraverso idee e progetti competitivi e altamente professionali che abbiano come obiettivo un modello di turismo sostenibile perché è questo il settore in grado di trainare davvero l’economia pontina. Il tutto facendo sistema e presentando un’offerta complessiva integrata che renda le coste, le isole, la collina e il patrimonio storico “made in Latina” appetibile per i turisti”.

 “Per la provincia di Latina questa programmazione è un’opportunità imperdibile – spiega la consigliera regionale pontina del Pd Rosa Giancola – essendo il nostro territorio diretto interlocutore di tutti e 5 gli ambiti individuati dal Piano. Agricoltura ed enogastronomia sono le eccellenze produttive dell’agropontino, tra l’altro le reti di impresa che il Piano sollecita, a Latina sono già presenti da un paio di anni e proprio in questo settore hanno già dato modo di dimostrare la loro validità, soprattutto per il marketing integrato che ne consegue e che rappresenta un asset per il rilancio complessivo della provincia”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto