nessuna denuncia

Latina Scalo, usano un bambino come esca per rapinarlo

Il racconto di un trentenne: "Credevo chiedesse aiuto e ho fermato la macchina"

Il cavalcavia della stazione a Latina Scalo

Il cavalcavia della stazione a Latina Scalo

LATINA –  Un bambino utilizzato come esca, un automobilista di passaggio che si ferma per prestare aiuto al piccolo e due uomini che sbucano da un cespuglio obbligando il malcapitato a consegnare il portafogli con i contanti appena ritirati al bancomat. Sono gli ingredienti di un fatto inquietante che sarebbe avvenuto ieri sera a Latina Scalo.

IL RACCONTO DI UN RESIDENTE – Erano da poco passate le 22,30 quando, secondo il racconto di un trentenne che vive a Borgata Carrara, è scattata la trappola. Lui era in auto e aveva appena ritirato al bancomat delle Poste di Latina Scalo, trecento euro, i soldi che gli servivano per effettuare alcuni pagamenti il giorno dopo. Terminata l’operazione allo sportello, risale in auto, imbocca Via della Stazione e poi il cavalcavia ed è qui che si trova davanti un bambino che sembra chiedere aiuto. Lui istintivamente ferma l’auto e scende, ma esattamente nello stesso momento da un cespuglio si materializzano due uomini che lo strattonano e poi gli chiedono di consegnare tutto quello che ha. Hanno accento straniero. In quel momento non passa nessuno, quindi, impaurito, il trentenne non se lo fa ripetere due volte e consegna il portafogli. La rapina è fatta.

Il trentenne che ha raccontato con precisione i fatti, però, ha deciso di non sporgere denuncia. A Latina Scalo non si parla d’altro e i residenti si sono divisi tra chi non crede alla versione del giovane residente vista la decisione di non chiamare le forze dell’ordine e chi al contrario sottolinea come l’epsiodio sia solo l’ennesimo di una lunga scia di fatti di cronaca e microcriminalità che assillano il borgo. Nella zona ci sono alcune telecamere e una denuncia alle forze dell’ordine potrebbe essere utile ad avviare le indagini visto che ci sarebbe anche di mezzo un minore.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto