la decisione

Lo Shermann DD resta a Piana delle Orme: vittoria del Museo di Borgo Faiti

Il ministro Franceschini accoglie la richiesta e affida la custodia del carro armato alla struttura di Latina

shermanddb1LATINA – Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ha decretato che il carro armato Sherman DD, pur appartenendo al patrimonio indisponibile della Stato, deve continuare a essere custodito presso il Museo Piana delle Orme. Un’ottima notizia anche per Latina.

E’ stata in sostanza accolta pienamente la richiesta del Museo che, nel 2002 – dopo aver ottenuto tutte le autorizzazioni dagli enti competenti e con risorse proprie – decise di recuperarlo dai fondali marini del golfo di Salerno per farne oggetto di un restauro curato in tutti i suoi dettagli, con pezzi originali e con la consulenza di esperti, accompagnato da uno studio storico. Al termine delle operazioni il pezzo venne inserito in un percorso museale tematico e visto da decine di migliaia di persone. Poi però, dopo una lunga causa intentata dal Museo della II Guerra Mondiale di Salerno, Piana delle Orme si era vista togliere la proprietà del bene dal giudice del Tribunale di Roma che lo ha dichiarato di proprietà dello Stato. L’unica per non perdere tutto era ottenerne la custodia e così è avvenuto.

Lo Stato resta dunque proprietario del carro armato, ma il decreto  riconosce che Piana delle Orme è in grado di garantire la fruibilità, la valorizzazione e la tutela del mezzo. “Il Ministro Dario Franceschini – commenta dal Museo la direttrice Alda Dalzini – prendendone atto, ha ristabilito in un certo senso il giusto ordine delle cose, con indiscussa saggezza e sensibilità. Tante sono le persone che si sono prodigate al nostro fianco. Non possiamo citarli tutti, ma a loro va la nostra riconoscenza. Commovente è stato per noi tutti vedere come sindaci e cittadini ci siano stati vicini, dimostrando di vivere il museo come un luogo della propria identità, come riferimento dell’intera comunità”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto