lo spiraglio

Il tesoretto di 10 milioni di crediti che il Ministero deve al Comune per far ripartire la Cittadella giudiziaria

E' la somma anticipata per gli affitti di Via Ezio. Il Ministro disponibile a finanziare il completamento della nuova Procura. Sì anche al nuovo carcere

Il cantiere della cittadella giudiziaria di Latina

LATINA – Uno spiraglio per il cantiere bloccato da anni della Cittadella Giudiziaria di Latina. Ieri il senatore Claudio Moscardelli e il sindaco di Latina Damiano Coletta hanno incontrato a Roma il Ministro della Giustizia Andrea Orlando che si è detto disponile a trovare una soluzione.

Il Comune deve avere dal Ministero per gli affitti dei locali attuali della Procura in Via Ezio, oltre 10 milioni di euro anticipati fino al 2015. L’accordo per far ripartire il cantiere ed evitare l’ulteriore deterioramento dell’immobile rimasto a metà, parte proprio da questo tesoretto al quale dovrebbero aggiungersi altre somme messe a disposizione dal Ministero. Il lavori ripartirebbero proprio dal completamento dell’edificio destinato alla Procura ricompresi in un primo stralcio come ha spiegato a Radio Luna nella puntata di oggi de Le Cose in Comune il sindaco Damiano Coletta ASCOLTA

E non è solo la Cittadella giudiziaria all’attenzione di Via Arenula: il senatore Moscardelli e il sindaco Coletta hanno presentato al Guardasigilli anche la questione del carcere di Via Aspromonte e l’esigenza per Latina di costruire una nuova struttura decentrandola.

 “Occorreva una soluzione diversa dalla faraonica cittadella – dice Moscardelli – visto che le risorse non bastavano neppure per terminare il solo edificio della Procura”, spiegando qual è la proposta fatta Il Ministro Orlando si è detto disponibile consapevole della necessità di un intervento urgente. “Avendo predisposto un piano di interventi per l’edilizia penitenziaria, il Ministro ha espresso una volontà positiva e l’esistenza delle condizioni necessarie per dotare Latina di una nuova struttura carceraria” riferisce il senatore pontino del Pd.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto