Latina Calcio, Coletta deluso per il bluff Mancini: “Ripartiamo dagli imprenditori locali”

Sindaco: "L'offerta solo un intralcio, ma lo sport insegna a rialzarsi"

LATINA – «Sono molto dispiaciuto che l’offerta per l’acquisizione del Latina Calcio non sia stata perfezionata. Ora però bisogna rimboccarsi le maniche». Il Sindaco di Latina Damiano Coletta commenta così la notizia, temuta e puntualmente arrivata, che il saldo necessario ad acquisire definitivamente il titolo dell’Unione Sportiva Latina non è stato versato. Coletta torna dunque a guardare all’imprenditoria locale.

«Lo sport ci insegna – dice il sindaco – che quando si cade bisogna sempre avere la capacità di rialzarsi. Il Latina ci riuscirà anche questa volta come ha saputo fare in più occasioni in passato. Sarà mio compito tentare di riportare intorno ad un tavolo comune gli imprenditori, locali e no, interessati alle sorti del Latina che fino a qualche giorno fa si erano detti disponibili ad un progetto di rinascita del calcio in città. Purtroppo l’offerta presentata ha rappresentato un intralcio all’attività avviata già all’indomani del pronunciamento del Tribunale in merito all’esercizio provvisorio del club nerazzurro».

Un pensiero, da ex calciatore qual è Coletta, va alla squadra con un invito ai tifosi a non abbandonarla: «I sostenitori devono mettere il Latina sopra ogni cosa. Anche domani, in occasione del confronto con il Perugia, squadra, giocatori, tecnici non vanno lasciati soli. Si deve tirare una linea che separi dal passato, da una brutta vicenda che ha radici lontane e trovare la maniera per imboccare una nuova strada che sia sì una strada di successi, ma soprattutto un percorso di attenzione ai conti e ai costi, perché il Latina, e più in generale lo sport cittadino, non viva mai più giorni così bui».

3 Commenti

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto