pro e contro

“Tanti nomi di strade e piazze sono cambiati, perché difendere proprio quello?”

Il contributo di Giuseppe Pannone nel dibattito sul cambio di nome dei Giardinetti pubblici di Latina

LATINA – Anche Giuseppe Pannone, avvocato, ex consigliere Pd a Latina, ha una sua opinione sul cambio di nome dei giardini pubblici di Latina dopo le polemiche scatenate dall’idea palesata in commissione toponomastica, di intitolare il parco cittadino ai giudici antimafia Falcone e Borsellino. Sempre nell’ottica del contributo al dibattito cittadino, pubblichiamo qui il suo intervento (postato nelle scorse ore su Fb) e corredato di una piantina esplicativa.

L’INTERVENTO  – 

di Giuseppe Pannone

Faccio notare che nella cartina riprodotta (che ho preso da un post di Cesare Bruni) ed utilizzata da alcuni per dimostrare una sorta di “continuità storica” ci sono altri nomi cambiati da tempo (P.zza Littorio è la nostra P.zza del Popolo, V.le Corsica è oggi V.le Medaglie d’oro, P.zza XXIII Marzo si chiama P.zza della libertà, P.zza Savoia ora è P.zza S. Marco, V.le Principe di Piemonte è diventato V.le Italia, Via Adua si chiama V.le Mazzini). Non penso che ci sia chi voglia ripristinare la vecchia toponomastica. Quindi qualcuno mi spiega perché mantenere una denominazione – di fatto non riconosciuta da nessuno e sconosciuta alla quasi totalità dei cittadini, e di cui qualcuno è venuto a conoscenza solo “grazie” alle polemiche – a un personaggio che non ha avuto alcun concreto legame con il nostro territorio?

1 Commento

1 Commento

  1. Giovanni

    29 Maggio 2017 alle 11:00

    Personalmente, io vorrei ripristinare tutta la vecchia toponomastica ed evitare di spezzettare le vie già denominate per fare una moltiplicazione di nomi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto