l'inchiesta

Ex Goodyear, c’è un’inchiesta su Veneruso. E il Comune di Cisterna nomina un legale

Della Penna: "Danni economici e sociali, tuteliamo la comunità, l'ente e i lavoratori che hanno subito torti"

Il sindaco Della Penna, l’avvocato Di Mambro, Massimiliano Nardi

CISTERNA – Il Comune di Cisterna vuole costituirsi parte civile nel processo penale contro l’imprenditore Alberto Veneruso avendo appreso di un’ inchiesta aperta dalla Procura della Repubblica di Latina che lo ha indagato per vari reati relativi alla ex Goodyear, o meglio alla Meccano Aeronautica. Lo ha annunciato oggi il sindaco Eleonora Della Penna che ha già nominato un legale.

“C’è una svolta importante nell’annoso caso ex Goodyear. L’amministrazione comunale ieri ha stabilito di incaricare un legale per tutelare preventivamente gli interessi del Comune quale parte offesa nel procedimento penale presso la Procura di Latina”, avverte il Comune che anni fa aveva donato all’imprenditore per la cifra simbolica di un euro il sito industriale per sostenere il progetto che doveva fare del sito dove prima si producevano pneumatici ,, il fiore all’occhiello della componentistica aeronautica pontina. Non andò così, nonostante i molti fondi pubblici messi a disposizione dell’imprenditore per il progetto.

L’azione dell’amministrazione comunale è stata illustrata questa mattina nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il Sindaco Eleonora Della Penna, l’avvocato Luigi Di Mambro, gli assessori Barbara Buffarini e Claudio Chinatti ed il rappresentante dei lavoratori ex Meccano Aeronautica, Massimiliano Nardi.

“Abbiamo appreso – ha spiegato l’avvocato Di Mambro ai giornalisti – che è stato aperto un procedimento penale nei confronti dell’imprenditore Veneruso incentrato su diverse ipotesi di reato. Indagini ancora in corso e che solo la magistratura saprà illustrare meglio quando sarà il momento. Intanto, con l’atto formale che mi incarica, l’amministrazione comunale vuole capire se ci sono gli estremi per costituire l’Ente parte civile nel processo in questione che potrebbe coinvolgere tutta la cittadinanza come soggetto offeso dal reato. Questo – continua l’Avvocato – per almeno tre ipotizzabili motivi: l’eventuale danno ambientale dovuto alla mancata bonifica del sito industriale di via Nettuno; la cessione del bene pubblico ad una società che poi non avrebbe rispettato gli accodi contrattuali assunti, impoverendo così dal punto di vista patrimoniale l’Ente; il mancato reinserimento lavorativo di una parte dei lavoratori, quindi un ulteriore impoverimento del tessuto economico e sociale della città”.

“Da oggi la vicenda Goodyear – ha dichiarato il Sindaco – diventa anche formalmente per il Comune di Cisterna di Latina, vicenda Meccano. Abbiamo dato incarico all’avvocato Luigi Di Mambro per costituirci parte offesa nell’ambito delle indagini a carico dell’imprenditore Veneruso. Un passo importante che, speriamo, ci porti a fare luce anche sulle complicate vicende che riguardano il sito ex Goodyear ceduto per un euro poco più di quindici anni fa e mai reindustrializzato. L’obiettivo è restituire dignità alla nostra città e ai lavoratori che hanno investito in quel progetto. Se le inchieste avranno un risvolto che porterà ad un processo, l’obiettivo è che la nostra città abbia un ruolo formale e di primo piano”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto

CHIUDI IN BASSO A DESTRA